Passa ai contenuti principali

Giallo/Argento

Ennesimo thriller di routine diretto da Argento, che dire, ormai le parole si sprecano per colui che è stato il maestro dell'horror italiano, dopo il terzo capitolo della sua trilogia delle madri, che avrebbe dovuto riportarlo ad antichi fasti, ma al contrario lo ha relegato ancora maggiormente nel baratro in cui è finito La Terza Madre, ecco che torna con un Thriller, stavolta sulla carta più misurato, ma non meno efferato, un tassista rapisce giovani modelle e le tortura uccidendole, una ragazza rimane vittima del maniaco, ma ha una sorella che vuole salvarle la vita ad ogni costo, ci riuscirà?
Ma io mi chiedo, Emmanuelle Seigner moglie di Roman Polanski, ha forse bevuto qualche bicchiere di troppo prima di accettare questo ruolo? E Adrien Brody, ricordate che ha vinto il premio oscar, dopo aver girato un film con il marito della bionda è ricaduto anche lui in un baratro di semianonimato, che per accettare questo film si è caduti decisamente in basso, d'altro canto Dario Argento, vuole fare un Thriller forse più impegnativo, ma non è all'altezza dei suoi film precedenti, è ora che si svegli e tiri fuori le palle e diriga un film come si deve, invece di perdere tempo con questi filmetti che non sono all'altezza del suo talento, io non posso credere che dietro la macchina da presa per girare questo film c'è lo stesso autore di Profondo Rosso uno dei Thriller più agghiaccianti che abbia mai visto, ma  Dario te la dai una svegliata, la sceneggiatura fa acqua da tutte le parti, la recitazione degli attori sembra incontrollata, non è capace di plasmare una storia e renderla degna del suo talento, impasta un concentrato di roba, ma è incapace di dare vita a una storia capace di farti saltare dalla sedia, stai davanti a questo film e non vedi l'ora che finisca, e mentre lo guardi non riesci a capire bene dove Dario Argento voglia andare a parare, ma davvero si capisce che non sa come imbastire la storia, il colpevole chi è? E' possibile che la soluzione sia quanto meno banale oltre che superficiale e anche fuori luogo? Ok non vi preoccupate non spoilero, ma le regole del thriller sono precise, lui con questo film le viola, ma è incapace di dare forma e contenuto a una storia che non regge il confronto con tanti film americani usciti anche di recente, è mai possibile che quando premi il pulsante stop ti viene voglia di imprecare?
Bene con questo film succede di imprecare, e se potessi dare le bottigliate di MrJamesFord ne prenderei a bizzeffe e gliele tirerei volentieri, ma qui siamo alla fabbrica, massacriamo allegramente il film, dunque dicevamo? Ah si, L'ormai ex maestro dell'horror italiano ne ha combinata un altra delle sue, con un film che si perde in un bicchier d'acqua, già con La Terza Madre che è il punto più basso della sua carriera, mi aveva delusa, con questo mi ha sconcertata, ormai dimostra che non è più capace di girare Thriller o Horror come si deve, in conclusione, spero che si ravveda e torni a girare film meritevoli e che siano ai livelli dei film precedenti.
DA EVITARE.



Commenti

  1. l'ho evitato fino ad adesso e credo che continuerò a farlo...

    RispondiElimina
  2. si e fai bene ad evitarlo il film è proprio da non guardare :)

    RispondiElimina
  3. non ho il coraggio di vederlo. e ora c'è pure Dracula 3D...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dario Argento si è perso per strada, da molti anni ormai :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.