Passa ai contenuti principali

Il favoloso mondo di Amelìe

E finalmente sbarca alla fabbrica anche Amelìe, ecco a voi Il favoloso mondo di Amelìe, film che sprizza ottimismo e dolcezza da tutti i pori, senza essere melenso, è una commedia romantica francese, con una eccezzionale Audrey Tatou, che interpreta la nostra eroina Amelìe appunto.
Jean Piere Jeunet, che abbiamo visto anche in Delicatessen, in questo film abbandona il grottesco per una storia più sentimentale, anche se non rinuncia alle sue ormai famose scene comiche, tutto comincia quando Amelìe trova una scatola a casa sua, il giorno della morte della principessa Diana, e cerca il proprietario della scatola, per restituirgliela, anche se si nasconde per non farsi vedere, da quel momento, cerca di rendere la vita felice a tutte le persone buone intorno a lei...
Amelìe lavora in un bar, dove c'è un tizio che è geloso di una sua collega, e lei cerca di fargliela dimenticare facendo in modo di innamorarsi di un altra donna, quella che vende le sigarette nello stesso bar, ma se all'inizio la storia sembra andare per il verso giusto, alla fine finisce come la collega barista, aiuta anche il ragazzo che lavora dal fruttivendolo, continuamente vessato dal proprietario del chiosco, cercando di fargli un dispetto in modo che la piantasse di tormentarlo, aiuta anche la sua vicina di casa che cerca il suo amore perduto, e chi aiuta Amelìe a trovare il suo amore? Lo volete sapere? Guardate il film e capirete chi sarà l'artefice della felicità sentimentale della nostra eroina.
Con questo film Jean Piere Jeunet conquista il successo di critica e di pubblico, con questa commedia, semplice, fresca, colorata, romantica, riuscendo a centrare il bersaglio presentando una protagonista carinissima, in cui molte persone si identificheranno, una ragazza sincera, forse un po' impicciona, ma adorabile, ed è proprio lei Amelìe il fulcro del film, che con scene ora allegre, ora comiche, ora tristi, dipinge davvero come un quadro la vita, riuscendo a trasmettere al prossimo calore, umanità e soprattutto altruismo, il cinema francese ci ha regalato delle vere perle, e tra queste perle c'è la Amelìe interpretata da una bravissima Audrey Tatou, che in futuro girerà persino Il codice da vinci in america, Jeunet forse le regala il suo personaggio più sincero e più vero.
Un piccolo capolavoro che conquisterà tutti quanti ed è entrato di diritto nei miei film cult.
CAPOLAVORO.




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.