Passa ai contenuti principali

Marilyn

Ma diciamoci la verità, di film su Marilyn ce ne sono parecchi, questo film diciamo non è il capolavoro che tutti decantano a destra e a manca, questo film esce nientepopodimeno che al 50esimo anno dalla sua morte, Marilyn è un mito e ha una signora carriera a dimostrarlo, nonostante se ne sia andata a 36 anni è diventata un icona, oltre ad essere una diva, dello showbusiness, ma era una donna piena di complessi, e piena di problemi e depressioni, che facevano impazzire chi lavorava con lei, ma era bravissima soprattutto quando ha iniziato a recitare realmente, e questo film è perfetto, anche troppo, per questo c'è qualcosa che non va, e costruito e impacchettato per presentarlo agli oscar, apparte i soliti grandi vecchi come Judi Dench e Kenneth Branagh che regalano una interpretazione onesta e sincera, a salvare il film c'è la bravura di Michelle Williams ehilà ma da dove salta fuori questa attrice deliziosa? Qui è davvero molto brava, sentiremo parlare ancora di lei? Ne sono sicura, perchè la sua Marilyn in questo film è parecchio somigliante all'originale, coi suoi tic e le sue manie, e le sue ossessioni, la storia narra le riprese del film Il principe e la ballerina, che la diva ha girato con il grande Lawrence Olivier, la cui lavorazione è diventata un incubo a causa delle pressanti insicurezze di Marilyn e i suoi problemi, nonostante ciò il film si farà comunque e si finirà e sarà anche un successo, durante le riprese la diva si invaghisce di un giovane aiuto regista, e qui c'è la storia che cade in un sentimentalismo che si allontana dall'opera cinematografica, e vira pericolosamente in un opera semitelevisiva, il film non è perfetto, ma è una mezza delusione, anche perchè la storiella di Marilyn con l'aiuto regista sembra fasulla, un pretesto per sottolineare come la diva infelice cerca qualcosa che le dia la spinta per uscire dalla sua depressione e dai suoi problemi, che  non va mai aldilà del semplice abbraccio, no non ci devono prendere in giro così, se c'è attrazione la si deve esprimere nello schermo, ecco che qui Simon Curtis che dirige la pellicola è incerto sul da farsi, se è un flirt, con la bionda più sexy del pianeta, mi dici perchè lui non alza neanche un dito?
In conclusione un film dallo stile impeccabile, che si regge solo sulla bravura dei protagonisti, la cui regia non è capace di osare, limitandosi a dirigere un opera e impacchettarla per gli oscar, peccato.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.