Passa ai contenuti principali

Il Dittatore

Come vi dicevo, anche se il blog è in pausa ogni tanto posso scrivere qualche recensione, oggi è il turno di parlare del film Il dittatore.

Ok lo ammetto, fino ad oggi non ho tenuto molto in considerazione Sacha Baron Cohen come attore comico, ora ho voluto vedere effettivamente che genere di film faceva, dato che è stato ampiamente pubblicizzato questo dittatore, ebbene, il film non è nulla di eccezzionale, la solita commedia demenziale condita di cattivo gusto? Forse, fattostà che nonostante la demenzialità, mi ha divertita, vedere questo dittatore che viene stronato da un sosia e fa il ruolo del popolo fa pensare a tante cose, lo spettatore crede che si ravvedi, e che diventi un tantino democratico, e invece no, non lo diventa, nonostante la riappacificazione con alcuni dissidenti fuggiti dal suo paese, e trapiantati in america.
Il film di Larry Charles ha parecchi buchi nella sceneggiatura, sembra voler divertire facendo del pollitically scorrect, se da un lato, grazie ad alcune scene ad effetto riesce nell'intento, da un altro punto di vista la banalità delle scene ne appesantisce un po' la trama che evidenzia diversi buchi nella sceneggiatura, d'altra parte il politically scorrect è presente in quasi tutto il film e ci sono certe scene esageratissime che non divertono affatto, altre scene più misurate ma divertenti, la cosa migliore del film? La performance di Sacha Baron Cohen, che, seppur non essendo all'altezza di altri comici più talentuosi, qui invece riesce ad essere acuto con una comicità tagliente tanto da rendere simpatico questo dittatore, il cui cattivo è lo zio impersonato da Ben Kingsley che cerca in tutti i modi di spodestarlo per i giacimenti di petrolio.
In un certo senso si ride e ci si diverte, ma in un altro la pellicola è quello che è, costruita intorno a Cohen, ne delimita gli spazi riservati agli altri attori, che sembrano macchiette senz'anima e prive di pathos, la regia sembra scodinzolare intorno al dittatore, cercando scene ad effetto che il più delle volte toccano il ridicolo involontario, in poche parole un film poco riuscito, che fa della satira, ma che non riesce a criticare il mondo che ci circonda, insomma in parole semplici è un film che dovrebbe fare della parodia e della risata una critica all'america, ma non è dissacrante, non è feroce, in parole povere si è voluto toccare la vecchia favola del principe e del povero, ma senza riuscire a colpire fino in fondo, ora alcune scene sono divertenti, altre no, la trama racconta di Aladeen, che non vuole la democrazia per il suo paese, e che deve rispondere dei suoi crimini negli Usa, appena arrivato dovrà fare i conti con lo zio che vuole mettere al suo posto un altra persona per arricchire il suo portafoglio con il petrolio che lui rifiuta di esportare agli americani...chi vincerà?
Una trama banale e poco originale, legata a una regia poco incisiva, che invece di esaltare una comicità intelligente fa della demenzialità il suo punto di forza.


Commenti

  1. ormai Sacha Baron Cohen non è più una sicurezza.
    curioso che anche nel film di Scorsese apparisse insieme a Ben Kingsley, ma "Hugo Cabret" è cinema, "Il dittatore" scompare al confronto

    RispondiElimina
  2. questo non ancora ma li ho visti gli altri di sacha, mi han divertito per carità, solo che alla fine non sapevo proprio cosa avrei potuto scriverne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io tra poco dovrei vedere Borat che mi sono procurato di recente...vediamo com'è :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…