Passa ai contenuti principali

Attack of the block

Ecco il film giocattolo su un invasione aliena contrastata da un gruppo di ragazzini che fanno i teppistelli in un quartiere, un film costruito benissimo la cui storia tratta un passaggio dalla fanciullezza e spenzieratezza fino alla maturità dei nostri protagonisti, che prima sono sfrontati, e fanno gli sbruffoni, poi capiscono che devono salvare il quartiere dagli alieni, ed ecco che qui scatta la voglia di unirsi tutti per la salvezza, dopo aver ucciso un alieno il quartiere di questi ragazzi viene letteralmente invaso dagli altri alieni, come fare per salvarsi la pelle?
Joe Cornish dirige un film per ragazzi, nè più nè meno, ma lo fa in modo intelligente e privo di pomposità dei film fracassoni ma vuoti di contenuti, qui invece i contenuti ci sono, e si vedono dall'inizio alla fine, i protagonisti entrando in simbiosi con lo spettatore, attraverso il loro viaggio che è una crescita interiore che cambierà il percorso delle loro vite per sempre, capiranno che nella vita ci sono cose ben più importanti che cercare di fregare il portafoglio a una ragazza, attraverso la chiave dell'altruismo arriverà per loro la maturità, e sarà per loro come perdere il cordone ombellicare, cercando anche un altra via d'uscita alla loro vita e conoscendo persino meglio i loro amici, soprattutto quando uno di loro verrà arrestato ingiustamente all'ultimo e chi darà una mano a loro per salvare il quartiere? Ma la ragazza a cui hanno cercato di rubare il portafoglio, anche se all'inizio con un po' di diffidenza cercherà di dare una mano ai ragazzi facendo in modo di sconfiggere gli invasori, e saranno soli contro tutti, e senza aiuti di nessuno, chiunque direbbe che potrebbero perdere senza mezzi a disposizione, ma sarà la loro amicizia che si cementerà l'arma a disposizione per sconfiggere gli alieni.
Un film divertente e coraggioso che non ha paura di mostrarsi per quello che è, un opera che va oltre l'intrattenimento riuscendo a mantenere alta l'attenzione dello spettatore divertendolo pure, cosa che non succede con moltissime opere, stiamo comunque parlando di un piccolo grande film che riesce anche a far riflettere, il che non è poco anzi, è più un pregio che un difetto.
DA COLLEZIONARE


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.