Passa ai contenuti principali

My Soul To Take - Il Cacciatore di anime

Penultimo film di Wes Craven, che si incentra sulla figura di un assassino che riesce a reincarnarsi e a uccidere sette persone nate il giorno in cui è morto, usando il coltello con scritto di sopra vendetta, il film comincia con un uomo ignaro di essere la reincarnazione del serial killer, che una volta posseduto fa fuori la moglie incinta, poi la polizia lo uccide, non prima di aver fatto finta di morire per poi far fuori altre persone nella autoambulanza, alla fine sono proprio altri poliziotti a farlo fuori.
Sedici anni dopo suo Bag, figlio ignaro di tutto, fa una vita normale e vive con la zia e la sorella, e ha come amico Alex, un tipo un po' strano che ha un rapporto conflittuale col patrigno, la vita scorre tranquilla finchè una sera è proprio Alex a fare una specie di celebrazione per il sedicesimo compleanno di questi sette ragazzi nati il giorno della morte del serial killer, ed è proprio qui che ricomincia la catena di delitti, che vede morire piano piano tutti gli amici di Bug, ma presto i sospetti si concentrano su di lui sia per la rappresentazione un po' troppo fuori dalle righe di Alex mascherato da un uccello divoratore di cadaveri, sia per alcuni comportamenti strani, ma è proprio lui il sospettato numero uno? Oppure l'assassino gli sta col fiato sul collo e aspetta di colpire ancora colpendo lui e la sua famiglia?
Il film parte bene, ed ha momenti di alta tensione, ma il tutto finisce appena comincia la parte centrale del film, che perde ritmo e tensione, per poi riprendersi alla fine, con la scoperta della verità da parte di Bug raccontata dalla sorella e dalla zia, qui c'è una pecca, ma come scopri di essere stato vittima di una bugia colossale e non esprimi rabbia, non esprimi dolore, non esprimi niente? Hai saputo che la persona che ti ha cresciuto non è tua madre e fai come niente fosse? Un po' di realismo sarebbe stato più credibile, un altro difetto del film è che non spiega come questo serial killer riesca ad incarnarsi, quali sono i motivi? Perchè avviene questo? E' una maledizione? Un antica leggenda? Niente, non rivela niente, e avanza sempre su questo binario, fino a un finale un po' scontato, che smonta tutto e non risolve vero l'enigma, peccato, un occasione mancata per Craven, che nonostante la fotografia patinata, e il plot accattivante non riesca ad andare aldilà del semplice thriller, cercando l'irreale ma non lo fa esplorare fino in fondo, è come se tirasse la pietra e poi la ritira per paura di approfondire l'argomento, se avesse osato di più sarebbe stata una pellicola interessante, peccato.


Commenti

  1. Ricordo che non mi piacque per nulla.
    Neanche l'ombra del vero Craven.

    RispondiElimina
  2. appunto la storia è pasticciata, preferisco di gran lunga il primo scream a questo, ancora sono agli inizi, ma già mi sto facendo un idea precisa di Craven, ho già visto 7 film che non avevo visto compresa la trilogia di scream red eye, cursed e scream 4, vediamo che risultati ottengo ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.