Passa ai contenuti principali

Il Rito

Nel grande calderone di film horror che escono in questo periodo succede che piccoli, ricercatissimi oggettini riescano a ipnotizzare lo spettatore come il caso de il rito, di certo non siamo ai livelli di capolavori come L'esorcista, ma ci siamo quasi.
Il rito è un film che riflette sulla natura umana quando si trova a confronto con forze che vanno aldilà delle cose razionali come gli eventi soprannaturali, davanti a loro non esiste razionalità, è quello che sperimenta un giovane che sta per diventare prete Michael ma che si trova nella vita tra il credo e non credo tra dio e il diavolo, anche perchè ha scelto di andare in seminario senza troppa convinzione quando si trova a dover affrontare un corso per diventare esorcista conosce un altro prete Padre Lucas, esorcista che deve prendersi cura di una giovane indemoniata, all'inizio Michael pensa che è una ragazza che ha bisogno di cure psichiatriche, ma quando la ragazza muore in circostanze che la medicina tradizionale non riesce a spiegare ecco che quella forza soprannaturale che lui ha sfidato si presenta nella sua vita prima uccidendo suo padre, poi attraverso padre Lucas, che sarà costretto a lottare con la sua fede per non soccombere.
Riuscirà Michael a mettere da parte la sua razionalità aprendo le sue percezioni su realtà diverse da quelle che aveva immaginato?
Un film intrigante e coinvolgente, capace di far riflettere sulle forze soprannaturali che circondano la vita dell'uomo e che vivono constantemente accanto a noi, non è certo un capolavoro ma si lascia vedere benissimo, sostenuto dalla bravura del regista, e dal talento di Anthony Hopkins, che ne fanno un piccolo grande film a livello minore rispetto alle pellicole del passato ma passabile secondo i canoni horrorifici odierni, ci sono tanti film horror che non danno nessun brivido, questo invece si limita a ricostruire un fatto peraltro realmente accaduto quindi anche con i suoi piccoli difetti resta un film si imperfetto ma apprezzabile.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. Mi ha messo paura, perché è l'argomento in sé a darmi ansia. E ho apprezzato l'approccio quasi scientifico e razionale al fenomeno della possessione demoniaca.
    Ma da metà film in poi diventa una mezza cialtronata che tra l'altro rinnega tutto (o quasi) quello che i personaggi avevano detto in precedenza, inoltre Hopkins è all'80% svogliatissimo e si vede, solo poco prima del finale torna ad essere il grande attore che è.
    Insomma, per me è stata una mezza delusione.

    RispondiElimina
  2. a me comunque è piaciuto e molto, certo non è un capolavoro, ma si lascia vedere bene :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.