Passa ai contenuti principali

Il Rito

Nel grande calderone di film horror che escono in questo periodo succede che piccoli, ricercatissimi oggettini riescano a ipnotizzare lo spettatore come il caso de il rito, di certo non siamo ai livelli di capolavori come L'esorcista, ma ci siamo quasi.
Il rito è un film che riflette sulla natura umana quando si trova a confronto con forze che vanno aldilà delle cose razionali come gli eventi soprannaturali, davanti a loro non esiste razionalità, è quello che sperimenta un giovane che sta per diventare prete Michael ma che si trova nella vita tra il credo e non credo tra dio e il diavolo, anche perchè ha scelto di andare in seminario senza troppa convinzione quando si trova a dover affrontare un corso per diventare esorcista conosce un altro prete Padre Lucas, esorcista che deve prendersi cura di una giovane indemoniata, all'inizio Michael pensa che è una ragazza che ha bisogno di cure psichiatriche, ma quando la ragazza muore in circostanze che la medicina tradizionale non riesce a spiegare ecco che quella forza soprannaturale che lui ha sfidato si presenta nella sua vita prima uccidendo suo padre, poi attraverso padre Lucas, che sarà costretto a lottare con la sua fede per non soccombere.
Riuscirà Michael a mettere da parte la sua razionalità aprendo le sue percezioni su realtà diverse da quelle che aveva immaginato?
Un film intrigante e coinvolgente, capace di far riflettere sulle forze soprannaturali che circondano la vita dell'uomo e che vivono constantemente accanto a noi, non è certo un capolavoro ma si lascia vedere benissimo, sostenuto dalla bravura del regista, e dal talento di Anthony Hopkins, che ne fanno un piccolo grande film a livello minore rispetto alle pellicole del passato ma passabile secondo i canoni horrorifici odierni, ci sono tanti film horror che non danno nessun brivido, questo invece si limita a ricostruire un fatto peraltro realmente accaduto quindi anche con i suoi piccoli difetti resta un film si imperfetto ma apprezzabile.
DA COLLEZIONARE.


Commenti

  1. Mi ha messo paura, perché è l'argomento in sé a darmi ansia. E ho apprezzato l'approccio quasi scientifico e razionale al fenomeno della possessione demoniaca.
    Ma da metà film in poi diventa una mezza cialtronata che tra l'altro rinnega tutto (o quasi) quello che i personaggi avevano detto in precedenza, inoltre Hopkins è all'80% svogliatissimo e si vede, solo poco prima del finale torna ad essere il grande attore che è.
    Insomma, per me è stata una mezza delusione.

    RispondiElimina
  2. a me comunque è piaciuto e molto, certo non è un capolavoro, ma si lascia vedere bene :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.