Passa ai contenuti principali

Il Processo

Ritorna, con un giorno di ritardo, ma poco importa, il cinema di Orson Welles, di cui sto curando una rassegna speciale.
Oggi parliamo de Il Processo, film tratto da un romanzo di Franz Kafka, che Welles porta sullo schermo in maniera curiosa e intrigante.

Ecco un altro motivo per apprezzare il cinema di Welles, che titolo dopo titolo non fa altro che sorprendermi, e Il Processo non fa eccezione.
Qui c'è un attrice che apprezzo molto, che fa un piccolo ruolo ma efficace quanto basta per rimanere impressa, la grande Jean Moreau.
Film che per la trama potreste giudicare al quanto complesso, in cui un uomo, viene coinvolto in un processo senza sapere il motivo per cui le autorità vogliono processarlo.
La fotografia in bianco e nero fa presagire ad una ambientazione surrealista, e ad un futuro distopico, Welles ovviamente non lo dice esplicitamente, ma lo fa capire attraverso la fotografia spettrale, e le scenografie che danno un fastidioso senzo di claustrofobia e oppressione al protagonista.
Anche la storia di per se è piuttosto allucinatoria, e Welles, da autentico genio della settima arte, narra questa storia in maniera piuttosto cruda anche, rivelando una prigione metaforica in cui si trova il protagonista, che viene espressamente fatta capire attraverso appunto le scenografie e l'ambientazione.
Stranamente non rivela mai allo spettatore il motivo per cui K deve essere processato, ma anzi, mostra anche i continui imbrogli che i cosidetti giudici e avvocati fanno anche alle spalle dei clienti, tutto per arricchirsi.
Il tutto viene narrato come se fosse un incubo ad occhi aperti, infatti lo stile surreale dell'opera da questo senso allo spettatore, e le metafore sulla storia si sprecano.
Comunque ci troviamo di fronte a un grande film, non ho letto il libro, cercherò di farlo ma l'impronta stilistica di Welles è presente, e decide di fare un opera più personale rispetto al romanzo originario, riuscendo anche a coinvolgere lo spettatore in questo incubo claustrofobico e opprimente.
Tocca persino un senso di fastidio durante la visione, ma non è un difetto, anzi, semmai è un pregio, in cui l'effetto deve essere proprio questo.
Non si deve scoprire il motivo per cui K viene processato, ma si deve vivere un incubo, e Welles ce lo fa vivere, mettendo in scena una metafora sul potere e sul condizionamento degli esseri umani, in cui sono coinvolti tutti i protagonisti, compreso l'avvocato.
Un altro titolo che aumenta maggiormente la stima verso questo grande regista, ovviamente lo consiglio a voi, e sicuramente lo apprezzerete molto, soprattutto se amate un tipo di cinema un po' complesso, che si allontana da certi canoni.
Voto: 8


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.