Passa ai contenuti principali

Il Processo

Ritorna, con un giorno di ritardo, ma poco importa, il cinema di Orson Welles, di cui sto curando una rassegna speciale.
Oggi parliamo de Il Processo, film tratto da un romanzo di Franz Kafka, che Welles porta sullo schermo in maniera curiosa e intrigante.

Ecco un altro motivo per apprezzare il cinema di Welles, che titolo dopo titolo non fa altro che sorprendermi, e Il Processo non fa eccezione.
Qui c'è un attrice che apprezzo molto, che fa un piccolo ruolo ma efficace quanto basta per rimanere impressa, la grande Jean Moreau.
Film che per la trama potreste giudicare al quanto complesso, in cui un uomo, viene coinvolto in un processo senza sapere il motivo per cui le autorità vogliono processarlo.
La fotografia in bianco e nero fa presagire ad una ambientazione surrealista, e ad un futuro distopico, Welles ovviamente non lo dice esplicitamente, ma lo fa capire attraverso la fotografia spettrale, e le scenografie che danno un fastidioso senzo di claustrofobia e oppressione al protagonista.
Anche la storia di per se è piuttosto allucinatoria, e Welles, da autentico genio della settima arte, narra questa storia in maniera piuttosto cruda anche, rivelando una prigione metaforica in cui si trova il protagonista, che viene espressamente fatta capire attraverso appunto le scenografie e l'ambientazione.
Stranamente non rivela mai allo spettatore il motivo per cui K deve essere processato, ma anzi, mostra anche i continui imbrogli che i cosidetti giudici e avvocati fanno anche alle spalle dei clienti, tutto per arricchirsi.
Il tutto viene narrato come se fosse un incubo ad occhi aperti, infatti lo stile surreale dell'opera da questo senso allo spettatore, e le metafore sulla storia si sprecano.
Comunque ci troviamo di fronte a un grande film, non ho letto il libro, cercherò di farlo ma l'impronta stilistica di Welles è presente, e decide di fare un opera più personale rispetto al romanzo originario, riuscendo anche a coinvolgere lo spettatore in questo incubo claustrofobico e opprimente.
Tocca persino un senso di fastidio durante la visione, ma non è un difetto, anzi, semmai è un pregio, in cui l'effetto deve essere proprio questo.
Non si deve scoprire il motivo per cui K viene processato, ma si deve vivere un incubo, e Welles ce lo fa vivere, mettendo in scena una metafora sul potere e sul condizionamento degli esseri umani, in cui sono coinvolti tutti i protagonisti, compreso l'avvocato.
Un altro titolo che aumenta maggiormente la stima verso questo grande regista, ovviamente lo consiglio a voi, e sicuramente lo apprezzerete molto, soprattutto se amate un tipo di cinema un po' complesso, che si allontana da certi canoni.
Voto: 8


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.