Passa ai contenuti principali

Beetlejuice - Spiritello Porcello

                                                            Riguarda & Recensisci
Comincia oggi lo special di Riguarda & Recensisci dedicato al mio secondo regista preferito Tim Burton, che per 9 giorni sarà protagonista per il ripescaggio dei film della sua filmografia mancanti per completare le recensioni.
E questo special non poteva che cominciare con uno dei suoi capisaldi.
Film numero due diretto dall'enfant prodige allora che rispondeva al nome di Tim Burton, che di per se sfiora il capolavoro.
A rivederlo oggi non si direbbe che è lo stesso Tim Burton per cui oggi alcuni storcono il naso davanti a un suo film, eppure l'ha diretto lui, c'è poco da fare.

BeetleJuice si presenta come un film geniale, a metà strada tra l'horror e la commedia, con trovate decisamente divertenti.
No perchè questo film oltre che parodiare il genere horror, è una storia irresistibile che rimescola generi e li frulla tutti insieme, ma non si limita a questo, anche se certamente essendo una commedia mixata al fantastico l'horror è appena accennato perchè ovviamente non è il genere di film che deve essere horror a tutti gli effetti.

Questo film è Tim Burton all'ennesima potenza, in cui anche la colonna sonora, sapientemente scelta con canzoni addirittura latino americane, che danno al film una sorta di allegria intrecciate ai brani composti dal fido compositore Danny Elfman, assolutamente deliziosi, che incarnano lo spirito, le atmosfere e  la poetica del grandissimo e geniale regista di Burbank.
In questo film ci sono spiritelli sardonici che detestano i viventi, e viventi che non si spaventano davanti alle lenzuola svolazzantis senza gambe.
In tutto questo c'è anche una giovanissima Winona Ryder, che interpreta Lydia, figlia dei nuovi abitanti della casa che un tempo è stata di una coppietta di sposi morti in un incidente assolutamente assurdo.
La trama racconta di appunto questa coppia di sposini Adam e Barbara Maitland, che come ho detto prima sono morti in un incidente assurdo, e non spoilero nulla se vi dico come è andato l'incidente, mentre si stavano recando dal ferramenta, per comprare alcune cose per il plastico, e un cane che si è trovato lì vicino finisce su una trave di legno, e la macchina è sospesa su quella trave.
Una volta spostato il cane finiscono stecchiti nel fiume.
Quando tornano a casa trovano il camino acceso e uno strano volume, e poco tempo dopo una famiglia di yuppie va a vivere a casa loro, come scacciarli?
Scoprono inoltre un vero e proprio ufficio che gestisce i defunti e l'assistente tombale Juno - una brava Sylvia Sydney, attrice della vecchia hollywood che è stata utilizzata diverse volte da Tim Burton , che cerca di seguirli  e consigliarli.
Ma c'è anche uno strano tipo, chiamato Beetlejuice, noto anche come bio-esorcista, basta dire il suo nome tre volte che si materializza per spaventare i vivi.
E chi poteva interpretare Beetlejuice? Il grande e mitico Michael Keaton, attore da me molto apprezzato da ormai 28 anni a questa parte.
Il film è ricco di scene e battute esilaranti che ne fanno un opera assolutamente immancabile per tutti gli amanti sia dell'horror che del cinema fantastico, perchè per quanto vogliate criticarlo, dovete però conoscere tutto il suo cinema, e capire l'evoluzione registica di un autore, che forse ha un po' smarrito quella fiamma che lo ha reso un icona, ed è entrato nel mio olimpo cinematografico ormai da tantissimi anni a questa parte.
Continuando a parlare di Beetlejuice, film che vi consiglio di vedere se ancora non l'avete fatto perchè come ho detto prima è esilarante, poi perchè è tutto curato, dalla sceneggiatura al trucco, alle scenografie fino alle musiche, e soprattutto alla recitazione dei suoi attori, tutti bravissimi.
Scena cult, è quando ballano banana boat usati come marionette da Adam e Barbara per fare spaventare i Deets.
In conclusione, è un film che spacca, in tutti i sensi, un opera davvero divertente che incarna lo spirito e le tematiche di un autore che grazie a questo film riesce a travolgere lo spettatore trasportandolo in un tribudio esilarante che difficilmente dimenticheranno.
Voto: 8

  




 

Commenti

  1. Bellissima iniziativa! Su questo film sono schifosamente di parte, mi piace tutto, il casting, l’ambientazione, l’umorismo nerissimo, il film con cui Michael Keaton è diventato uno dei miei attori preferiti, il Tim Burton di allora mi scaldava il cuore e mi faceva morire dal ridere ;-) Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.