Passa ai contenuti principali

Bornless Ones

Continua la maratona horror della fabbrica dei sogni, anche se ieri è saltata perchè non ho avuto il tempo di recensire proprio Bornless Ones.
Questo film l'ho scoperto proprio nel blog di Lucia, Qui potete leggere la sua recensione, e come ho fatto per Hellions ho usato il mio sito di riferimento per lo streaming, l'importantissimo CB01 dove si può trovare e si trovano un sacco di film horror anche di qualità.
Oggi recensisco Bornless Ones.
Devo ammettere che Lucia ha proprio ragione nel dire che il film manca di originalità, ma questo non è un difetto, semmai è una constatazione a cosa realmente può fare il cinema.

Io dico che se mettete da parte l'originalità, e vi concentrate sulla storia, magari potreste apprezzarlo, perchè senza dubbio si tratta di un film che merita almeno una visione, ancora non è uscito in sala, io l'ho visto soltanto coi sottotitoli, ma questo importa poco.
Comunquesia, film come La Casa di Sam Raimi, hanno ormai fatto la storia del cinema, e sono diventati di ispirazione per molti registi, nonchè colui che ha diretto questo film Alexander Babadev, un nome decisamente interessante in ambito horror, speriamo di sentir parlare di lui in futuro e anche di vedere altre sue opere.
Ciò che difetta in originalità invece è messo in qualità, in tensione, che si taglia letteralmente con il coltello, devi stare attenta a voltarti dietro le spalle durante la visione.
Il film è imperniato anche da un alone di inquietudine che non lascia mai lo spettatore, la storia, potrebbe essere simile a tanti film horror è vero, però riesce a catturarti e a incollarti letteralmente alla poltrona, e narra l'arrivo in una casa fatiscente di una ragazza che ha il fratello tetraplegico, e deve assolutamente portarlo nella clinica vicina perchè si occupino di lui.
L'inizio da i brividi, si vede una bambina con la faccia verde che parla con una voce da oltretomba, sua madre è vicino a lei e cerca di fare tornare la piccola da dove quel demone mieterioso la lega a se, poi si capisce benissimo che la bambina uccide la madre, e l'attenzione vira su una giovane ragazza Emily, che compra una casa, si veda anche l'agente immobiliare che non vede l'ora di levarsi dalle palle quella casa, e a qualsiasi prezzo, con una fretta che già di per se dovrebbe fare arrivare la pulce alle orecchie a chiunque, poi con il suo fidanzato entrano in casa e il demone che vive dentro quella casa possiede Zach, fratello di Emily, che inspiegabilmente guarisce di colpo cominciando a camminare, ma l'incubo ovviamente è dietro l'angolo e inghiottirà tutti i protagonisti in una spirale che non lascia scampo alla salvezza.
C'è da dire che è un opera cinematografica decisamente interessante, oltre a catturarti e a coinvolgerti riesce anche a farti fare i proverbiali salti nella sedia che non ti aspetti.
Non tutto è come sembra in quella casa sperduta nel bosco, e i due protagonisti lo impareranno a loro spese.
Come con il precedente titolo che ho recensito, ho dovuto abbassare l'altoparlante, per attutire la tensione, lo so che adoro l'horror, ma quando arrivano i momenti più spaventosi, non riesco a resistere neanche io.
Interessante è la parte quando Emily e il fidanzato chiamano il dottore per capire come mai Zach è inaspettatamente guarito, ma Zach non sanno che ha cambiato anche personalità, e intrappolerà la sorella e il fidanzato in una spirale di orrore in cui questo demone giocherà anche possedendoli, e non ci sarà scampo per nessuno.
In conclusione, - ammetto di aver dilungato la recensione, mi scuso ma ero ispiratissima nello scriverla. - è un film decisamente da vedere, sia per la storia che riesce a coinvolgere, sia per l'inquietudine e la paura che vengono fuori, il che di questi tempi è già un pregio.
Speriamo di vedere altri film di Alexander Babadev, ci conto, questa volta spero che faccia qualcosa di più originale e non derivativo, comunque sia il film scorre bene e si lascia vedere bene, dandoti ovviamente il brivido giusto.
Da non perdere.
Voto: 7





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.