Passa ai contenuti principali

Marie Antoinette

                                                            Riguarda & Recensisci

E anche stasera c'è la rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, e oggi abbiamo l'unico film di Sofia Coppola che mancava di essere recensito della sua filmografia.
Marie Antoinette

Sofia Coppola sceglie di realizzare un opera pop che parli della regina Marie Antoinette, con un film che alla sua uscita ha spiazzato un po' tutti quanti.
E' innegabile l'abilità registica di Sofia Coppola, che riesce a catapultare la storia di due adolescenti, che per caso o per azzardo si ritrovano a fare i regnanti, senza avere la maturità giusta per poter guidare una nazione.
Il film ricostruisce l'arrivo di Maria Antonietta in Francia, dove dovrà rinunciare a tutto ciò che le appartiene, persino il suo cane, a soli 14 anni, diviene sposa con un matrimonio in bianco che si portrae per parecchi anni, fino all'arrivo di suo fratello che cerca di sistemare le cose.
In tutto questo frangente, una ragazzina come Maria Antonietta si trova dentro una prigione dorata, incapace di capire ciò che deve fare, e qual'è il suo ruolo di moglie, sommersa da una responsablità troppo grande per lei, che alla sua età dovrebbe vivere come vivono i ragazzini.
E lei cerca di fuoriuscire dal grigiore della sua vita matrimoniale, scialacquando parecchi soldi in divertimenti e frivolezze di ogni tipo, intanto sua madre le scrive constantemente per essere informata degli avvenimenti in camera da letto.
Come ho detto prima sarà il fratello a convincere l'ormai re, di svolgere i suoi doveri coniugali.
Ma la regina dovrà scontrarsi con l'ostilità dei francesi, ed essere gentile persino con la favorita del re.
Sofia Coppola cerca di descrivere Maria Antonietta come se fosse una ragazzina a cui hanno dato parecchie responsabilità per la sua età.
Una ragazzina che si trova prigioniera di un matrimonio politico, senza amore, organizzato dalla madre per cucire un alleanza con la francia, alleanza che vedrà a compimento quando la coppia reale genera l'erede al trono.
Roba non facile per una ragazzina che sfoga la sua frustrazione in feste e frivolezze, risultato il popolo comincia a morire di fame e si avrà la rivoluzione.
La Coppola non ci fa vedere il popolo inferocito, si limita solo a raccontare la storia di Maria Antonietta dall'ascesa alla caduta, costruendo un film postmoderno coaudiuvato da una colonna sonora di brani anni ottanta che si sposano benissimo con l'ambientazione settecentesca.
Una pellicola davvero riuscita, nonostante quello che dicono gli altri.
Mi è piaciuto.
Voto: 7

  





Commenti

  1. Senza dubbio originale, ma quello che funziona è lei, la Dunst, davvero perfetta nel ruolo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero anche Schwartzman nel ruolo di Luigi XVI convince molto ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…