Passa ai contenuti principali

Il Dolce Domani

                                                         Riguarda & Recensisci
 E giungiamo anche alla recensione di uno dei più bei film di Atom Egoyan, autore che apprezzo molto, e per stasera Riguarda & Recensisci ripesca dal suo cappello Il Dolce Domani, un opera intima e drammatica che mi ha colpito molto.

In scena abbiamo un incidente in cui sono morti venti bambini, dentro un pulmino della scuola e un avvocato Mitchel Stevens, è tenuto a interrogare i genitori e i superstiti dell'incidente.
Per quest'uomo sarà un viaggio lungo e doloroso, perchè oltre a scontrarsi con la comunità che vuole solo dimenticare l'accaduto, deve fare i conti con un dolore personale ancora più grande, sua figlia è una tossicodipendente, e alla fine gli rivelerà anche di essere sieropositiva.
Atom Egoyan decide di intrecciare il dolore di Mitchel con quello dei genitori che deve rappresentare nella causa per l'incidente, emblematica è la scena in cui si confronta con un padre che vuole dimenticare la morte dei figli ai quali ha assistito interpretato da Bruce Greenwood, mentre Mitchel è interpretato da un grandissimo Ian Holm, capace di coinvolgere lo spettatore dall'inizio alla fine con la sua performance.
Film bellissimo, consigliatissimo soprattutto se cercate opere più ricercate e che sono uno spaccato di vita.
Atom Egoyan è bravissimo nel sottolineare il dolore di Mitchel con gli altri genitori che hanno perso i loro figli.
Uno dei migliori film di Egoyan, e senza dubbio cercherò di approfondire il suo cinema, perchè come regista merita molto e mi interessa tantissimo, presto troverete altri suoi film alla fabbrica.
Un film capace di creare empatia con lo spettatore, cose che è molto difficile fare di questi tempi, non a caso ha vinto il gran premio della giuria a Cannes.
Il dolce domani è uno di quei film capaci di parlare allo spettatore, capaci perfino di farlo riflettere sugli eventi accaduti e anche sui sentimenti dei personaggi, è raro trovare al cinema opere così profonde, che, nonostante abbia una trama gialla centrale, si concentra anche sulle vite dei singoli personaggi, facendo in modo che Egoyan con la sua mdp, si trasformi in narratore, mettendosi in silenzio a osservare gli eventi come solo un grande autore sa fare.
Film consigliatissimo, soprattutto se amate le opere profonde che sappiano esprimere con poche parole e senza fronzoli il dolore dentro ognuno dei personaggi, e che lascino anche qualcosa di indelebile dentro di noi.
MAGISTRALE.
Voto: 8

  
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.