Passa ai contenuti principali

Camino

Ringrazio il grandissimo blogger J. Doinel grandissimo amico e grande cinefilo che mi ha consigliato questo capolavoro, in italia non è uscito, eh si l'italia paese cattolico fino al midollo, non può uscire un film polemico contro la chiesa e soprattutto contro l'Opus Dei, se volete sapere di che si tratta qui potete leggere qualcosa a riguardo a questa organizzazione di fanatici religiosi.
La storia del film è quella di una bambina che si ammala gravemente di tumore alla spina dorsale, i genitori invece di intervenire e salvare la vita della figlia, la mettono nelle mani di Dio, ma avvolte l'opera del creatore non è necessaria, bisogna farsi aiutare da mani umane esperte, che salvano la piccola e la riportano alla vita, e soprattutto farsi aiutare dai medici, non dalle parole di fanatici legati all'Opus Dei.

Un film agghiacciante e straziante, e ci credo che non l'hanno fatto arrivare in Italia, troppo sfacciato nel descrivere l'alienazione che porta alla mostruosità e all'egoismo umano celato dietro all'abito talare e alla fede cieca verso Dio, eppure è proprio Dio che ha insegnato all'uomo a rispettare e salvaguardare la vita umana, perchè mettersi nelle sue mani allora? Per far diventare la bambina una martire e una santa? Ma a che pro? A che motivo? Una bambina malata non ha forse diritto a vivere la vita anche se sta male? La vita si vive fino in fondo e comunque vanno le cose, si vive fino all'ultimo istante e si fa di tutto per salvare una vita, soprattutto quella di una bambina.
Un film che stordisce per la sua acuta analisi sull'ignoranza usata da certe organizzazioni religiose simili a una setta, perchè L'Opus Dei è un po' come una setta, l'ignoranza è forza, e puntano tutto sulla credenza di una figura suprema ma invisibile, che da sola non può fare nulla per salvare la vita della bambina, al di fuori di farla diventare una santa, sempre che la bambina lo sia o meno.
Il film analizza bene la bambina, i suoi sogni, i suoi desideri che vengono spazzati via dalla malattia, che i genitori invece di metterla nelle mani dei medici e di salvarla, la mettono nelle mani di Dio.
Avete capito che questo film mi ha colpito moltissimo non è vero?
Consigliatissimo per riflettere sulla natura umana, avvolte talmente pazza da non fare ragionare le persone.
Lo potete trovare in streaming, perchè di certo il film resta ancora un inedito dato i temi critici riguardanti certe comunita fondamentaliste religiose.
Film tratto da una storia realmente accaduta.
Voto: 10




Commenti

  1. Camino è stato il film con cui ho inaugurato il mio blog, forse anche una delle molle che mi ha spinto a crearlo, una visione sconvolgente che mi ha accompagnato a lungo e che ancora oggi ho qui accanto a me...anche per me un 10 pieno, uno dei pochi che ho dato,,,

    RispondiElimina
  2. addirittura 10?
    sembra proprio il caso di recuperarlo...

    RispondiElimina
  3. in certi momenti è quasi un film dell'orrore, quello vero, un incubo terribile

    e come spesso succede la realtà supera la fantasia

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.