Passa ai contenuti principali

Salò e le 120 giornate di Sodoma


Un film eccessivo, sperimentale, disturbante ma soprattutto impressionante, assistere alla visione di Salò e le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo pasolini è stata sia una sorpresa (avevo paura di non riuscire a vederlo tutto) che una esperienza, infatti ho deciso di vederlo solamente ma non di collezionarlo.
Un opera senza mezze misure, o la si ama o la si odia, e comunque è difficile dire dopo la visione se la si ama sul serio, assistere ad atti di coprofagia, sodomia, sadismo è un esperienza davvero disturbante, la cosa che ha reso grande il film è il fatto che nulla è volgare o gratuito, anzi diventa una metafora sulla demolizione del potere e dell'essere umano trasformato in bestia senza alcuna dignità.
Forse Pasolini aveva anticipato cio' che accade oggi nella nostra società, il potere rende gli esseri umani schiavi del potere, le sconvolgenti scene di coprofagia sono davvero impressionanti, come gli atti sessuali che nel film vengono consumati anche a gruppi di due tre persone con la sodomia...
Tratto dal romanzo del marchese De Sade, che qui Pasolini ne ha fatto il primo capitolo sulla trilogia della morte poi incompiuta a causa del suo decesso, nel film ci sono 4 gironi anti inferno, girone delle manie, girone della m...a e girone del sangue in un esplicito omaggio all'inferno dantesco in cui le violenze e alla fine le sevizie aumentano progressivamente fino alla carneficina finale (che ahimè non sono riuscita a vedere tutta a perchè mi sono impressionata).
La trama del film è più semplice di quanto si possa immaginare, 4 signori il duca, il monsignore, il presidente e un altro presidente, si riuniscono in un castello sorvegliato da guardie fasciste e da SS in un castello abbandonato insieme a 4 megere, ex meretrici con un gruppo di partigiani e figli di partigiani per 120 giorni per regolamento i 4 signori possono disporre a piacere delle loro vittime, il numero magico 4 appare moltissime volte anche se la violenza non è fne a se stessa, e il film anche se sconvolgente e disturbante, va visto, perchè è un opera che quando la vedi non la dimentichi più, perchè le scene sono talmente forti, che è impossibile dimenticarle, ma comunque va lodato perchè Pasolini è stato veramente molto coraggioso a dirigere questo film, che è davvero un grande film, sinceramente non so se è un capolavoro, ma un grande film lo è sicuramente, comunque lo sconsiglio agli impressionabili e ai deboli di stomaco.

Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.