Passa ai contenuti principali

Ex Machina

Oggi solo un film, che non sono molto in forma per poter scrivere sul blog, poi devo carburare e scrivere il mio romanzo, quindi devo lavorare anche.
Ma, non dimentico mai gli amici della fabbrica dei sogni, quindi eccomi a recensire il film al cinema Ex Machina, uno dei più originali usciti quest'anno.

E' un curioso film di fantascienza che ricorda alla lontana la favola di pinocchio, ma che riesce a catturare lo spettatore grazie a una costruzione mirata ed efficace e una trama che coinvolge lo spettatore dall'inizio alla fine.
Anche la regia non è male perchè rispecchia l'anima dei protagonisti.
Il tutto è costruito come un piccolo giallo in cui un giovane programmatore Caleb Smith, viene invitato nella casa di un altro programmatore, che in realtà è un grosso laboratorio dove lui ha creato I A una umanoide.
Caleb è stato scelto per testare e capire se l'umanoide è una vera intelligenza e ha coscienza di se.
Il test comincia, e Caleb fa la conoscenza di Ava, sentendosi subito attratto da lei. Lui vorrebbe saperne di più ma Nathan Bateman il programmatore non glielo consente.
Spesso Bateman si ubriaca e maltratta la sua concubina Kyoko, ma durante un blackout Ava gli dice di stare attento e di non fidarsi di Nathan.
Il ragazzo decide di indagare scoprendo una verità che non si aspettava...
Mi è piaciuto, soprattutto perchè è una fantascienza molto distante da come la intendiamo noi, un film originale mai visto prima d'ora, almeno da parte mia.
Mi è piaciuto perchè affronta un tema molto legato all'essere umano, ovvero la costruzione di un altro essere meccanico ma con una coscienza a se.
E' capace l'uomo di creare un robot con una coscienza?
Mi è piaciuto, e lo ribadisco, una bella ventata d'aria fresca con le cavolate fracassone che escono al cinema di recente.
Da vedere.
Voto: 7



Commenti

  1. Film intelligentissimo, ma dovrò rivederlo per valutarlo meglio ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Davvero bello, ha superato le mie aspettative

    RispondiElimina
  3. A me non è piaciuto particolarmente, ma quanti spunti in un film solo. Anche solo per questo, nonostante mi abbia annoiato a morte, direi promosso.

    RispondiElimina
  4. Forse lo sto sottovalutando ma nn mi attira particolarmente anche se adoro la fantascienza

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.