Passa ai contenuti principali

Prince Avalanche

Con la scusa si sistemare il bosco da un incendio, due uomini passano del tempo insieme, il primo è un sognatore innamorato della sorella del secondo, che a differenza è uno scapestrato.
Riuscirà il sognatore a conquistare la donna di cui è innamorato?

Beh ve lo dico subito, guardatevelo.
Peccato che da noi la distribuzione non sia daccordo nel distribuire piccoli film ma di qualità.
Non ci resta che aspettare quei blogger magnanimi che li rendono disponibili per la visione a noi comuni mortali.
Ora, una critica all'industria cinematografica ci vuole, e deve essere ponderata fatta oggettivamente, non campata in aria gettandola nel cesso a prescindere dalla qualità dei film.
In questo modo saremo dei novelli don chisciotte, che sbraitano sul mercato o sistema, lottando contro i mulini a vento, cercando una battaglia impossibile per dare spazio a opere più o meno "artistiche" che non sono per il pubblico, ma solo per una selezionatissima elite di cinefili.
No, questo non è più cinema, è soltanto il rifiuto del cinema.
Rifiuto di chi forse non ama il cinema, ma solo una particolare parte del cinema.
Io, invece sono avida di visioni, non posso stare ferma a un solo tipo di cinema, per me è una passione viscerale che si concentra sulla conoscenza di questo o quell'autore, perchè ogni autore ha una sua precisa grammatica, un linguaggio cinematografico che si fa arte per ogni pellicola girata.
E' il caso di questo film, particolarissimo e intrigante che mi ha profondamente colpita.
A interpretarlo due attori molto bravi, Emile Hirsch e Paul Rudd e diretto da David Gordon Green.

Il primo è un sognatore, innamorato della sorella del secondo, che vuole conquistarla perchè nonostante tutto non l'ha mai dimenticata, mentre il secondo è più superficiale, vive alla giornata, senza preoccuparsi di quello che gli accade intorno.
Il film è un viaggio in cui i due uomini si conosceranno profondamente, nonostante le loro differenze e si scopriranno i propri sentimenti verso le donne amate e i loro sogni e aspirazioni.
Il film è anche molto delicato poetico e profondo, che esplora l'animo umano con una leggerezza che incanta e conquista.
La cosa che più colpisce è la caratterizzazione dei personaggi, molto ben curata così anche la regia, le cui inquadrature non possono non colpire lo spettatore.
Lasciatevi trasportare dalle emozioni di una storia intrigante che conquista scena dopo scena.
Voto: 7e 1/2



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.