Passa ai contenuti principali

Still Life

Questo è un film particolare...
Vi avviso che può non piacervi, soprattutto perchè non è edulcolorato, o che vi fa l'occhiolino per rassicurarvi no, è un film sulla morte, ma che parla di vita, vite vissute, assenti, che richiedono la presenza delle persone care, la famiglia.
John May sembra un uomo qualunque, il suo lavoro consiste nel raccogliere informazioni sulle persone defunte, e informare i loro cari del loro decesso per far si che sono presenti per il funerale, non è una bella cosa, ma lui la fa comunque e non è tutto, per lui è una missione.
Quando però il personale va ridimensionato, lui porta a termine comunque l'ultima missione, e conosce la figlia dell'uomo appena defunto, sembra che tra i due possa nascere qualcosa...ma i piani per John sono altri...


Come ho detto a inizio recensione, è un film particolare, va visto e va assimilato perchè nonostante possa sembrare complesso, è più semplice di quanto sembri.
Bravissimo Eddie Marsan, merita senza dubbio una menzione speciale, il suo John May non è un personaggio banale, è anzi, una persona comprensiva, e, nel suo essere anonimo, ha un che di eccezzionale.
Il film inoltre è capace di sottolineare il fatto che le piccole cose, anche le più banali e le più insignificanti, hanno la loro importanza, e ogni vita ha un suo perchè.
Oggi certe cose le abbiamo dimenticate, e per fortuna che esistono i piccoli film d'autore, capaci di farci aprire gli occhi sul mondo, per fortuna che c'è ancora la creatività di registi che mettono con poetica sullo schermo il loro pensiero.
Si, Still Life è un film poetico e bellissimo, ma non è certo per tutti, avvolte può risultare un po' pesante, soprattutto per scene con pochi dialoghi, o anche per la caratterizzazione del protagonista, in cui potete dire, ma che ti interessa, torna a casa pensa ai fatti tuoi, rifatti una vita...e invece, bisogna tener conto dell'umanità di John, per lui quello non è solo un lavoro, ma una missione in cui crede fermamente, e il finale - che non rivelo - sarà catartico e rivelatorio.
Uberto Pasolini, che ha passato la vita a produrre film, si cimenta nella regia, dirigendo un film capace di sprizzare vita da tutti i pori, nonostante il tema trattato parli d'altro, e allo stesso tempo farci aprire gli occhi sulle cose importanti della vita, il che è fondamentale per ogni essere umano, ovvero gli affetti.
Un film straordinario, capace di fermare lo spettatore e ricordargli le cose più belle della vita.
Magistrale.
Voto: 7



Commenti

  1. Il film più commovente e toccante dell'ultima Mostra di Venezia, che ha messo tutti d'accordo. Il finale strappa il cuore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero verissimo, perchè non te lo aspetti proprio :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.