Passa ai contenuti principali

Hunger

Film d'esordio di Steve McQueen e vincitore della camera d'or al 61° Festival di Cannes, lo dico subito, se siete molto sensibili evitate questo film, se invece siete degli idealisti, che non si impressionano, andate sul sicuro.
Michael Fassbender è strepitoso, solo la sua performance vale la visione del film.
Già parliamo del film, alloooora, racconta la storia di Bobby Sands, che per ottenere la nomea di prigioniero politico fa uno sciopero della fame perdendo persino la vita.
Bobby appartiene alla Provisional IRA ed è questo il motivo principale per cui è arrestato, e malmenato dalle guardie carceriere, ma non solo lui, anche altri prigionieri come lui subiscono lo stesso trattamento.
Alcuni di loro, rifiutano di portare la tuta da prigioniero, altri spalmano i loro escrementi nelle mura della cella, altri ancora fanno altre proteste, per cominciare; fino a quando non decidono di fare lo sciopero della fame tutti insieme.

Un film estremo, duro, durissimo.
Non è facile vedere certe cose, certe scene, non tanto per la ripugnanza in se, ma per la disumanizzazione che porta alla sofferenza dell'individuo,  non è una semplice sofferenza, ma qualcosa che annulla, cancella, disintegra il fisico, Michael Fassbender interpreta un ruolo difficilissimo e complesso, come non se ne vedevano da anni in maniera incredibile.
Steve McQueen porta alla luce una storia vera raccontandola senza romanzarla, ma sputandola letteralmente in faccia allo spettatore, forse il film è brutale per questo motivo, perchè urla in faccia la verità, ciò che questi prigionieri hanno subito dai secondini del carcere solo per le loro idee politiche.
E poi si parla di democrazia eh?
Quando si vuole sottomettere un popolo, si fa di tutto per farlo tacere, per mettergli il bavaglio persino arrestandolo.
Bobby non batte ciglio, farà con alcuni prigionieri uno sciopero della fame, ne moriranno nove, ma almeno otterranno qualche risultato, anche se non saranno mai riconosciuti come prigionieri politici.
Morire per i propri ideali è una cosa nobile, e sottolinearlo con una storia allucinante, portata finalmente alla luce da un regista coraggioso e talentuoso come Steve McQueen è senza dubbio roba da tenere in considerazione.
Il mio parere lo conoscete già, dico solo che è un film da non sottovalutare, e da tenere in considerazione, anche se ci sono scene allucinanti per l'impressione che fanno.
L'uscita di questo film in italia - e ti pareva - è avvenuta dopo il successo di Shame  altro film del regista afroinglese.
In conclusione da vedere.
Voto: 7 e 1/2



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.