Passa ai contenuti principali

Shortbus - dove tutto è permesso

AVVERTENZE: Prima della visione levatevi dalla testa una cosa: questo film non ha nulla a che fare con la pornografia, anche se ci sono scene piuttosto realistiche ed esplicite. Secondo: guardatevelo con la consapevolezza di assistere a uno dei film più sinceri e veri, girati dopo l'11 settembre. Racconta un america senza più fiducia nel futuro,  e soprattutto nell'amore, unica via di contestazione è il sesso, in tutte le sue forme. Ma non è un sesso volgare e gratuito, è un sesso liberatorio, una risposta a tutti i mali del mondo che viene usato come risposta alla tristezza, alla vita, alle delusioni, insomma a tutto ciò che non va nel mondo.
America svegliati!!! E' questo il messaggio che John Cameron Mitchell, se negli anni sessanta si combatteva per la libertà sessuale, e per i diritti civili, adesso il sesso è diventato una risposta quasi provocatoria a un mondo che ha dimenticato i valori fondamentali della vita. I protagonisti sono persone normali, chi è gay e cerca  una sistemazione con la persona amata, una terapista che non riesce a venire, e ci prova in tutti i modi, ma si accorge che più che dare aiuto agli altri deve aiutare se stessa, una feticista che adora picchiare le persone per provare piacere cercano di esprimere se stessi, in un mondo che ben troppo spesso censura e discrimina.
Un film sorprendente e straordinario, girato con attori non professionisti, da un regista che dimostra un assoluta libertà di espressione, è un capolavoro, non c'è altro da dire, uno dei più grandi film che dicono la verità in faccia allo spettatore, senza falsi pudori, e senza facili moralismi. Perchè qui si respira un grido d'allarme verso qualcosa che ci è stato imposto come regola ferrea, ma per quale motivo? Per reprimere un sano e naturale istinto?
Non c'è nessuna scena da provocare scandalo, non c'è nessun sentore di pornografia, anzi durante la visione mi sono accorta di assistere a una delle pellicole che lanciano chiari messaggi realistici e sinceri: siate voi stessi, e vivete con naturalezza il rapporto con il vostro corpo; e se questa è "provocazione" allora signori miei avete sbagliato strada, la vera provocazione se ce ne stata una, è quella di sottolineare la stupidità del mondo, bigotto e materialista, di cui il film sottolinea per tutta la durata questo messaggio, facendo dimenticare alll'uomo una cosa fondamentale. L'amore.
E' una generazione che urla la sua voglia di libertà quella che si vede in questo film meraviglioso, uno dei più belli che ho visto, sicuramente non è stata una pellicola facile, non ci sono scene gratuite, e per fare un film del genere bisogna avere tanto coraggio, come ha fatto Mitchell.
Quello che mi ha lasciato questo film è stato la consapevolezza di guardare infondo a me stessa, perchè la verità sta dentro di noi, ed è questo: la vera pornografia sta nel censurare il pensiero umano, e la voglia di esprimere se stessi, non è certo facendo vedere scene esplicite o reprimere naturali impulsi che vengono marchiati, definiti scandalosi dalla società.
Lasciare pensare gli esseri umani con la propria testa è sempre stato pericoloso per la società, Shortbus non si pone limiti, anzi, vuole che lo spettatore assista e diventi uno dei personaggi del film.
E la società dimentica una cosa, tutti abbiamo bisogno d'amore, e se questo è scandaloso è un suo problema.
Infondo lo cantava anche John Lennon all you need is love, e cosa c'è di scandaloso nell'amore e nell'esprimere se stessi? Cosa c'è di scandaloso in questo? Ci nascondiamo per fare l'amore diceva Lennon, ma l'odio e la violenza vengono fatte alla luce del sole...il film è un grido di libertà, un allarme contro tutti i mali del mondo, diretto da uno straordinario quanto coraggiodo John Cameron Mitchell, che entra di diritto nell'olimpo dei miei autori preferiti.
CAPOLAVORO.

Ps: Oltre la foto di rito, vi lascio anche la canzone di John Lennon appena citata poco fa...





Commenti

  1. Gran bel film, uno dei più sinceri, profondi e anche divertenti sul sesso e non solo.
    Promosso anche dalle mie parti.

    RispondiElimina
  2. Da vedere. Sempre stato intimorito dai film ad altissimo tasso erotico. Ma questo film è proprio un must, lo riconosco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io, ma a lungo andare perchè impaurirsi, non ci facciamo spaventare dagli horror splatter e gore, e ci facciamo spaventare da un innoque scene erotiche? Io mi sono lanciata hahaha ma riconosco che non centra nulla con quello che dice la stampa :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.