Passa ai contenuti principali

In The Mood for love

L'amore visto attraverso lo sguardo di un artista. Si può definire con queste poche, ma semplici parole questo grande film. Wong Kar-Wai qui è al suo meglio, e non gira un film passionale, ricco di scene drammatiche: gira un film fatto di silenzi, situazioni, che si incrociano e si incontrano lungo tutto il film, ma come si dice, il silenzio vale più di mille parole.
In The Mood for love non è il classico film d'amore, è un film che bisogna capire, protagonisti sono un uomo e una donna che si incontrano per caso. Il loro incontro è una coincidenza, e attraverso la vita quotidiana che due destini attraverso sguardi, cortesie, e la quotidianità della vita capiscono di amarsi.
Non sentiremo mai dalle loro parole la parola fatidica, che è ricca di tanti altri film del genere, ma lo spettatore lo capisce che si amano. Lo capisce attraverso le attenzioni dei due amanti che si ritrovano; ma il destino ha per loro un amara sorpresa: scoprono per caso che i rispettivi coniugi sono amanti, e allora la delusione, la rabbia e la gelosia prendono il sopravvento, ma ora c'è anche il loro amore, come fare ad andare avanti?
Un amore non espresso è anche il più doloroso, perchè ci porta davanti a una nuova strada, e si deve scegliere quale intraprendere. La nuova comporta di lasciare il proprio marito o moglie, e di continuare con la nuova storia e la cosa diventa dolorosa, soprattutto se provi ancora qualcosa per l'uomo o la donna che hai sposato.
Ci sarà una scelta dolorosa, ma a quale prezzo?
Un film malinconico e silenzioso, che trasmette nei pochi gesti dei suoi protagonisti, molta passione di cui un classico film d'amore può esprimere. Interpretato da due attori straordinari quali Tony Leung e Maggie Cheung, bravissimi, loro sono i protagonisti del film, e lo dimostrano con una naturalezza senza pari. La ciliegina nella torta ce la da la regia di Wong Kar-Wai in cui esprime con gli straordinari colori della fotografia e delle scene, una storia realistica, mai banale che trasmette sentimento puro, è una regia narrativa e virtuale, in cui i protagonisti sembrano galleggiare rispetto agli altri interpreti, mi spiego, questa affermazione può sembrare strana ma è una sensazione che si ha, perchè in pratica loro due sono sempre in primo piano. Persino i loro rispettivi coniugi vengono ripresi di spalle, perchè ci sono solo due protagonisti, i nostri occasionali amanti.
Dimenticate scene pruriginose, non ci sono scene d'amore, nonostante questo il film si concentra su un altro tipo di  desiderio, un desiderio nuovo, che viene trasmesso nella scena migliore del film, quando restano da soli a casa di lui, è palpabile il desiderio, anche se non consumato.
Bellissima anche la colonna sonora, che accompagna i nostri protagonisti nella loro scoperta dei loro sentimenti, e nella delusione del tradimento.
E' senza dubbio il miglior film di Wong Kar-Wai.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. Non l'ho visto, ma i film orientali hanno a volte qualcosa di magico nella loro lentezza , nella fotografia , nella colonna sonora , che ti prende e ti affascina non poco.

    RispondiElimina
  2. nella guardalo, questo film è un capolavoro, e sono d'accordo con quello che dici, questo film è affascinante, perchè quello che dice lo fa capire con tanti gesti quindi non c'è bisogno di parlare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Spiderman Homecoming

Ecco il terzo capitolo del reboot di Spiderman...lo devo dire non è male, e questa terza parte mi è piaciuta particolarmente, per un solo motivo: Michael Keaton.
Perché? Perchè simpaticamente ha voluto fare il verso ai cosidetti supereroi - lui che ha interpretato il per me mitico Batman Burtoniano - e interpreta il cattivo, ovvero l'antagonista dell'uomo ragno.
Ed è pure padre della sua ragazza...

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…