Passa ai contenuti principali

In The Mood for love

L'amore visto attraverso lo sguardo di un artista. Si può definire con queste poche, ma semplici parole questo grande film. Wong Kar-Wai qui è al suo meglio, e non gira un film passionale, ricco di scene drammatiche: gira un film fatto di silenzi, situazioni, che si incrociano e si incontrano lungo tutto il film, ma come si dice, il silenzio vale più di mille parole.
In The Mood for love non è il classico film d'amore, è un film che bisogna capire, protagonisti sono un uomo e una donna che si incontrano per caso. Il loro incontro è una coincidenza, e attraverso la vita quotidiana che due destini attraverso sguardi, cortesie, e la quotidianità della vita capiscono di amarsi.
Non sentiremo mai dalle loro parole la parola fatidica, che è ricca di tanti altri film del genere, ma lo spettatore lo capisce che si amano. Lo capisce attraverso le attenzioni dei due amanti che si ritrovano; ma il destino ha per loro un amara sorpresa: scoprono per caso che i rispettivi coniugi sono amanti, e allora la delusione, la rabbia e la gelosia prendono il sopravvento, ma ora c'è anche il loro amore, come fare ad andare avanti?
Un amore non espresso è anche il più doloroso, perchè ci porta davanti a una nuova strada, e si deve scegliere quale intraprendere. La nuova comporta di lasciare il proprio marito o moglie, e di continuare con la nuova storia e la cosa diventa dolorosa, soprattutto se provi ancora qualcosa per l'uomo o la donna che hai sposato.
Ci sarà una scelta dolorosa, ma a quale prezzo?
Un film malinconico e silenzioso, che trasmette nei pochi gesti dei suoi protagonisti, molta passione di cui un classico film d'amore può esprimere. Interpretato da due attori straordinari quali Tony Leung e Maggie Cheung, bravissimi, loro sono i protagonisti del film, e lo dimostrano con una naturalezza senza pari. La ciliegina nella torta ce la da la regia di Wong Kar-Wai in cui esprime con gli straordinari colori della fotografia e delle scene, una storia realistica, mai banale che trasmette sentimento puro, è una regia narrativa e virtuale, in cui i protagonisti sembrano galleggiare rispetto agli altri interpreti, mi spiego, questa affermazione può sembrare strana ma è una sensazione che si ha, perchè in pratica loro due sono sempre in primo piano. Persino i loro rispettivi coniugi vengono ripresi di spalle, perchè ci sono solo due protagonisti, i nostri occasionali amanti.
Dimenticate scene pruriginose, non ci sono scene d'amore, nonostante questo il film si concentra su un altro tipo di  desiderio, un desiderio nuovo, che viene trasmesso nella scena migliore del film, quando restano da soli a casa di lui, è palpabile il desiderio, anche se non consumato.
Bellissima anche la colonna sonora, che accompagna i nostri protagonisti nella loro scoperta dei loro sentimenti, e nella delusione del tradimento.
E' senza dubbio il miglior film di Wong Kar-Wai.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. Non l'ho visto, ma i film orientali hanno a volte qualcosa di magico nella loro lentezza , nella fotografia , nella colonna sonora , che ti prende e ti affascina non poco.

    RispondiElimina
  2. nella guardalo, questo film è un capolavoro, e sono d'accordo con quello che dici, questo film è affascinante, perchè quello che dice lo fa capire con tanti gesti quindi non c'è bisogno di parlare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.