Passa ai contenuti principali

La Memoria del cuore

Eh si, non può certo mancare la pellicola sentimentalona, e mettiamocela pure. Ma questa che per altro è tratta da una storia vera, sembra davvero banale; a parte l'eccessiva dose di saccarina che rende sia la storia parecchio melensa che i personaggi, che sono tutti belli, ricchi e pompati. Non c'è nulla, ma proprio nulla che fa risalire il film in un dramma toccante, non ti scende neanche la lacrimuccia. Tutto è programmaticamente costruito, non c'è nulla di naturale o spontaneo, persino la recitazione degli attori sembra comandata a bacchetta  a distanza. Manca soltanto che ci mettono il cartellino di fronte: siamo belli, bravi e siamo i personaggi perfetti per un film d'amore.
Di storie così scialacquate credo che se ne possa fare benissimo a meno, Rachel McAdams, spero tanto che non faccia la fine di Meg Ryan, lei che ha tutte le qualità e soprattutto potenzialità piuttosto appetitose dovrebbe puntare su titoli che la esaltino, invece sceglie di interpretare un film banalotto...peccato.
Channing Tatum non lo conosco bene, quindi evito di dare un giudizio fuori luogo, quindi parlo della sua performance in questo film. Il pubblico femminile può di certo palpitare per questo maritino bello alto, e che mostra dei bicipiti da urlo, ma è anche perfetto, dolce, amorevole...ma ragazzi non tira mai le palle questo marito? Sta lì come un ebete senza mostrare coraggio? Questo film non mostra coraggio, è un occasione sprecata peccato: io ho visto tanti film d'amore, alcuni che mi facevano piangere a dirotto, altri che emozionavano, questo no, guardi la storia di questa coppia esattamente come usciresti a comprarti un rossetto nuovo, o un profumo. Stop. La trama racconta di una coppia di giovani sposi innamorati, hanno un incidente e lei perde la memoria. Qui si avvicina anche la famiglia di lei con cui non parla da molto tempo. Lei deve scoprire quale segreto si nasconde e come mai ha rotto con i suoi, e non sarà facile perchè il marito ce la sta mettendo tutta a ricostruire il suo passato...ci si mette pure l'ex fidanzato che vuole approfittare della cosa per mettersi in mezzo, finale prevedibile, tornano insieme, ma non sarà più come prima....ok scusate lo spoiler, ma questo film mi ha delusa tanto che non potevo non metterlo, mi farò perdonare.
ANONIMO.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.