Passa ai contenuti principali

Christine la macchina infernale

Riprendono le rassegne regolarmente dopo la pausa estiva. Questa settimana è il turno di Christine - La macchina infernale, diretto da John Carpenter.
La storia è ambientata alla fine degli anni settanta in una piccola cittadina degli stati uniti; i protagonisti sono due amici, Dennis gioca nella locale squadra di footbal, l'altro, Arnie è diciamo la sua spalla il classico nerd e il ragazzo sfigato di cui tutti si prendono gioco,  soprattutto un gruppo di teppistelli, che si diverte a canzonarlo. Il giorno in cui uno di loro prende un coltello e lo minaccia, Arnie non nasconde il fatto al preside, che è stato chiamato dai suoi compagni di scuola e accusa colui che lo ha minacciato. Uscendo dalla scuola vedono un catorcio che andrebbe bene in una discarica automobilistica piuttosto che sulle strade. Arnie è inspiegabilmente attratto dalla strana vettura, e decide di comprarla, nonostante l'amico lo ha sconsigliato tutto il tempo di lasciar perdere, e non la comprare; Arnie non lo ascolta, e compra lo stesso l'auto. Una volta a casa deve vedersela con i suoi genitori, che non sono stati consultati per l'acquisto della macchina come di solito fanno. Il ragazzo comincia ad essere insofferente verso coloro che ostacolano la sua scelta, mutando carattere, comportamento e modo di vestire, fino a subire un influenza maligna con l'auto che ha acuistato e che cura maniacalmente nel garage di un vecchio carrozziere che gli rompe sempre le scatole. Le cose cominciano a complicarsi quando Dennis ha un incidente durante la partita e rischia di rimanere paralizzato, perchè ha visto Arnie con la ragazza che gli piaceva. Ma perchè Christine influenza in modo così evidente la vita di Arnie? Arnie viene sedotto da Christine tanto da passare più tempo con lei che con la sua ragazza. Durante un  appuntamento al drive in, mentre guardavano un film la ragazza ha rischiato di rimanere soffocata mentre mangiava il panino, se non fosse intervenuto un tizio che era vicino a loro, la ragazza sarebbe morta; questo fa si che piano piano, tutti coloro che hanno a che fare con Arnie debbano fare i conti anche con Christine. Soprattutto tutti quanti cominciano ad odiare quella automobile sinistra, che suona vecchie canzoni rock'n'roll, come se fosse una radio indipendente dal resto dell'umanità, è un auto con una sua precisa volontà, che uccide tutti coloro che intralciano il suo cammino; lo sanno bene i teppisti che dopo la sera al drive in la massacrano a colpi di spranghe.
Christine ha diversi poteri tra cui quello di rigenerarsi. Arnie lo sa bene, e durante la notte assiste alla sua rinascita, e come fa chiedereste voi? Si rimette a posto da sola ovviamente, essendo un auto sinistra poi va a cercare coloro che si sono permessi di distruggerla e li fa fuori tutti quanti. Ormai anche Arnie ha perso la sua lucidità ed è completamente succube da quella macchina, che piano piano lo ha allontanato da tutti, dalla sua famiglia, dai suoi amici e dalla sua fidanzata.
Dopo un ultima uscita anche Dennis si accorge che Arnie, il suo vecchio amico non esiste più; la persona che ha preso il suo posto è molto diversa da come era Arnie, timido e gentile, quella che ha preso il suo posto ha smanie di potere, completamente assorbito dalla seduzione di quella assurda macchina, di cui non sa come fare per salvare il suo vecchio amico. Ci riuscirà?
Uno dei film leggendari di John Carpenter. Tratto da un romanzo di Stephen King, questa versione cinematografica è un attenta rilettura della seduzione del male, ma questa volta satana non è una persona fisica ma è rappresentato da una automobile rossa fiammante che seduce più di come sedurrebbe una donna e influenza coloro che la posseggono. In questo film troviamo anche i giovanissimi Kelly Preston, allora ventenne, che poi sarà la moglie di John Travolta, e lavorerà nel cinema recitando in diversi film, e Alexandra Paul, che sarà la bagnina di Baywatch serie tv degli anni novanta.
La ciliegina nella torta è nel soggetto e  soprattutto nella regia di di Carpenter. Bellissima anche la fotografia cromata soprattutto nelle riprese notturne, girate in modo da accrescere la tensione nello spettatore. Il film è uno dei cult del genere horror, che nonostante non ci siano grandi nomi, col tempo si è trasformata in un piccolo classico del cinema di genere.
CULTISSIMO

Alcune curiosità da wikipedia


  • Nonostante nel film l'auto debba essere una Plymouth Fury, viene interpretata per la maggior parte del tempo da una Plymouth Belvedere poiché le Fury sono molto rare e perché la Belvedere era simile alla Fury.
  • Nei momenti di "attività" di Christine, l'autoradio suona alcune canzoni degli anni '50 con lo scopo di prendere in giro le proprie vittime in modo "sarcastico";ad esempio quando Dennis tenta di aprire la portiera alla rimessa di Darnell parte la canzone Keep a Knockin' di Little Richard che letteralmente significa "continua a bussare" (di fatto il testo dice: Keep a knockin' but you can't come in, come back tomorrow night and try it again; cioè continua a bussare ma non puoi entrare, ritorna domani notte e provaci ancora).
  • Negli anni '90, i Panhandle Alks, un gruppo rockabilly tedesco, fecero una canzone dal titolo "Christine", il cui testo non lasciava dubbi: "Plymouth Fury bianca e rossa... il Rock'n'Roll era la via ma tu eri la morte..."
  • La trama del film è la stessa usata nella 9ª puntata della 6a stagione della serie televisiva Malcolm.
  • Nella 18ª puntata della 2a Stagione di Futurama La macchina satanica la trama è in buona parte tratta dal film Christine, la macchina infernale.
  • Il 7° episodio della 3ª stagione intitolato "Motore In Panne" del cartone animato "Due Fantagenitori" è praticamente la trama vera e propria di Christine, naturalmente raccontata ed adattata in un linguaggio appropriato per i bambini. L'auto, uguale in tutto e per tutto a Christine si chiama Striker Z.


Commenti

  1. ciao, io sono una semplice amante dei film che non può vedere ciò che le fa troppa paura, quindi su questo film non mi posso proprio esprimere. blog pieno e completo il tuo. io, nel mio, parlo dei film che vedono e di come possono farmi e fare bene. una sorta di cinematherapy my style. se vorrete unirvi e intervenire ne sarò felice.
    http://iovedo.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Ammetto che non mi avevano entusiasmato né il romanzo né la pellicola, però quest'ultima l'ho vista davvero troppissimo tempo fa, forse dovrei riguardarla.

    RispondiElimina
  3. Ho sia il libro che il dvd :il fascino di Christine ha "sedotto" anche me.Ciao:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…