Passa ai contenuti principali

The Rum Diary - Cronache di una passione

Johnny Depp ci riprova a riprendere i panni di antidivo anticonformista, tornando a recitare in un film tratto dal romanzo Hunter S Thompson: ma questa volta la magia non si compie; perchè direte voi? Semplice, il film è troppo patinato e poi alla regia abbiamo Bruce Robinson, che seppur scrittore non riesce a dirigere una pellicola innovativa ma convenzionale.
Certo se fosse stato nelle mani di un genio come Terry Gilliam le cose forse sarebbero diverse; nonostante ciò è nella direzione degli attori che c'è il suo punto di forza.
Andiamo al dunque, dicevamo Johnny Depp ci riprova, cerca di togliersi i panni di Jack Sparrow, e lo capisco ma questa volta non centra il bersaglio; ma non per colpa sua. Se c'è qualcosa che non va sta nella pellicola, narrativamente l'ho trovata intrigante e appetitosa quanto basta, ed è proprio questo uno dei suoi difetti: è il suo voler piacere a tutti costi che ne mina l'importanza, e soprattutto non riesce ad essere innovativa, limitandosi ad essere convenzionale e superficiale. Robinson non va fino infondo alla storia, non riesce a tenergli testa e tantomeno esprimere un parere personale, sembra che i personaggi del suo film devono recitare secondo come è scritto nel copione; stop!
E pensare che da Depp ci si aspetta molto, soprattutto se si conosce il suo glorioso passato. A lungo andare però scegliere film a seconda di chi ha scritto il romanzo d'origine, e poi non tenere conto del regista mi pare un rischio fin troppo azzardato.
Quando ha recitato in Paura e delirio a Las Vegas, coraggiosa e anticonformista pellicola che praticamente osava grazie alla bravura di Gilliam di fregarsene di quello che dicono gli altri, a differenza Robinson non vuole sporcarsi le mani, dirige un film tecnicamente splendido, ma fin troppo patinato sia per un autore come Hunter S Thompson, che per la bravura di Depp, che con gli altri attori sono si, tutti bravissimi ma sembrano manichini impomatati. Insomma Bruce Robinson in conclusione ha voluto fare un bel film, ma non ha voluto andare oltre i canoni, ci ha donato un film impacchettato e costruito, ma c'è troppa carne al fuoco, e come si dice il troppo storpia, soprattutto quando vuole piacere a tutti i costi. Peccato.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.