Passa ai contenuti principali

The Wave - L'onda

Comincia per caso, come un gioco, un esperimento, per poi finire male, un professore si interroga con i suoi alunni, se oggi, può rinascere un regime totalitario in germania, dopo il nazismo, e inizia a chiamare il suo movimento come l'onda, che richiama parecchi studenti, che si riconoscono nel movimento, altri addirittura ne rimangono inconsapevolmente succubi, non riconoscendo altri modi per essere importanti, altri ancora, come la studentessa che si allontana, cercano di fermare qualcosa che sta per diventare pericoloso, lo stesso professore sopravvaluta i suoi alunni, che dalle aule scolastiche, fanno uscire l'onda in città e nelle strade, con atti di vandalismo, che sfociano nel terrore, anche a scuola, se non hai la maglietta dell'onda, non puoi partecipare alle attività extrascolastiche, insomma piano piano il movimento diventa eversivo, ma prima che il professore se ne renda conto si supererà il limite, e la risposta arriverà molto più in fretta di quanto crede.
Dennis Gansel, dirige un film duro, consapevole, e per nulla edulcolorato, comprendendo che nonostante tutto, i regimi totalitari continueranno ad esistere, perchè le  persone, si sentono più forti se appartengono a un gruppo, a costo di calpestare gli altri, ucciderli, picchiarli, se non appartengono al loro gruppo, che è un po' quello che succede nel mondo, attraverso altre cose, come ad esempio le sette religiose, tutti uguali è meglio, tutti uguali è bello, chi non è d'accordo con noi è fuori da tutto, chi si allontana da noi deve morire, perchè è un traditore, succederà proprio questo, attraverso l'ultima scena, che farà uscire fuori di testa, forse l'alunno che più di tutti si riconosce nel movimento, che poi ci lascierà la  pelle, scusate lo spoiler ma non potevo non metterlo, per stavolta mi perdonerete, il professore, capirà che ha calcato la mano pesantemente? Nell'insieme è un film che lascia sbalorditi, sul modo in cui esseri umani, in questo caso giovani, accettano passivamente, l'appartenenza a un gruppo, che intona regimi totalitari, ed è sconvolgente anche il modo in cui il professore sopravvaluta la cosa, facendo in modo che esca dai confini della scuola, il film è anche un esempio, di come certi educatori, se dimostrano carisma e potere, abbiano un tale seguito, riuscendo a sottovalutarlo in questo modo; è un atto di incoscienza, e disumanità, perchè una cosa del genere nel mondo, anche se esiste ed è sbagliata, può costare vite umane innocenti, che vengono sedotte da delle ideologie sbagliate, attraverso il cosidetto lavaggio del cervello, succede tutti i giorni, attraverso la politica, la religione, e in questo caso anche la scuola, noi ne siamo inconsapevoli, ma avvolte certe prigioni non hanno sbarre, per questo fanno più paura.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

  1. semplicemente formidabile!

    quando l'ho visto ho pensato a "L'attimo fuggente", mutatis mutandis hanno molto in comune

    RispondiElimina
  2. Quanto mi aveva colpito questo film! Bello bello!

    RispondiElimina
  3. molto interessante..non l'ho ancora visto

    RispondiElimina
  4. ricordo di aver visto questo film nientemeno che alle isole Maurizius, durante il riposo pomeridiano, nella scalcagnata televisione del villaggio. Tra i tanti possibili film che potevano trasmettere - era un circuito interno - saltò fuori questo (e in un'altra occasione Alien vs Predator 2, una cagata infernale se mai ne è esistita una). Comunque, questo era davvero un film simpatico - ben fatto, e ovviamente sottovalutato. Mi ricorda un altro film di cui non ricordo il nome, tratto da un vero esperimento fatto in un carcere, con gente comune pagata per interpretare chi le guardie e chi i prigionieri. Finì in un massacro.
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si forse è the experiment, lo devo cercare ciao :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…