Passa ai contenuti principali

L'ultimo dei templari

Per una storia che mischia horror, azione, e avventura, mi sa che ci sono parecchie cose in ballo.
L'ultima pellicola di Dominique Sena, ricalca una storia medievale, siamo ai tempi dei templari, in cui due dopo essere fuggiti dalle battaglie, ed essere riconosciuti come disertori, e quindi incarcerati devono vedersela con una donna, che si dice sia una strega, che ha portato la pestilenza nel paese. La gente del luogo crede che il male che vige nel paese sia opera sua, ma c'è un rituale da compiere, quello di non permettere alla strega di operare per far del male agli altri. I templari devono compiere un viaggio pericolosissimo, anche perchè durante, vedono molte persone lasciarci la pelle, grazie ai suoi rituali nefasti, ma le cose si accorgeranno non sono affatto come appaiono, e per aiutare la giovane donna, devono salvare un libro che la forza maligna vuole distruggere a tutti i costi usandola, ci riusciranno?
Dominique Sena, non è certo un grande regista, questo film sembra un prodotto di intrattenimento non del tutto riuscito, questo grazie ad attori praticamente fuori parte, e a una regia fin troppo compiacente e ruffiana, che ne penalizzano le evidenti potenzialità dell'opera, il film viene salvato in parte da uno script intrigante e accattivante.
Il film rimane un prodotto convenzionale, che non aggiunge nulla di nuovo ai film dove la classica lotta tra bene e male, viene descritta con più enfasi, qui ci sono due cavalieri templari, di cui c'è anche Ron Perlman, che interpreta il compagno d'armi di Nicolas Cage, attore troppo spesso sottovalutato, ma che grazie alla sua interpretazione salva il film. Per quanto riguarda Cage, lo sapete già cosa penso di lui, è inutile negarlo, un attore con un espressività ridottissima, che si è perso per strada con scelte sbagliate, avvolte fin troppo sopra le righe, mi dispiace dirlo, perchè da sua fan, mi aspetto che non resti appigliato a certi film, che, seppur di intrattenimento, gli negano la possibilità di esprimersi come hanno fatto grandi autori come Lynch ad esempio, e questo mi dispiace, speriamo che arrivi qualcuno che lo valorizzi. Malgrado Cage, sono gli altri attori a tenere sulle spalle l'intero film, di chiara ispirazione Scottiana, senza averne il carisma ovviamente.
In conclusione, non è certo un film da buttare via, ma neanche di metterlo tra gli allori, se vi volete divertire è il film che fa per voi, d'altronde è un film d'attori, non d'autore, l'intrattenimento offre solo questo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.