Passa ai contenuti principali

Niente Paura

Semplicemente un documentario, che racconta la storia dell'italia degli ultimi 25 anni, e musicata attraverso Ligabue, una testimonianza che raccoglie parecchie interviste, fatte, a gente più o meno famosa, scrittori, giornalisti, giudici, e anche a gente comune, di cosa è l'italia, e come sia cambiato il nostro paese, fatto abbastanza bene, e senza pretese, anzi anche piacevole, e scorrevole, che non annoia mai, perchè certe volte si rischia di essere banali ed annoiare, invece questo non succede, e non è roba da poco.
Niente Paura non vuole essere una testimonianza banale, sul vivere civile, anzi semmai è il contrario, attraverso la nostra storia, vuole ricordarci cosa vuol dire il vivere civile, i nostri errori, senza falsi moralismi o inutili preconcetti, raccontando l'italia, e gli italiani così come sono, ripercorrendo la strada dei ricordi.
Anche Ligabue da il suo contributo, non solo musicale, si fa persino intervistare, e porge il suo parere, sui fatti storici, politici, che hanno attraversato il nostro paese; la sua è una testimonianza vivida e sincera, su come stanno realmente le cose, su cosa fare per migliorare, etc etc etc...
Ma non è la solita storia trita e ritrita, è la vita vera, che per una volta entra al cinema, e cerca di sensibilizzare il pubblico, non con una storia di fiction, ma con delle interviste, a gente comune, a gente come noi, oltre a nomi tutelanti, se riescono anche a sensibilizzare? Io parlo per me, ed ecco la mia risposta, si, riescono anche a farlo, il bello del cinema non è solo raccontare storia inventate, ma avvicinarsi alla gente, e parlare di ciò che accade nel mondo, e soprattutto nel nostro paese, in poche parole, abbiamo di fronte una testimonianza realistica e sincera, come non ci capita mai di avere, un documentario consigliatissimo, da guardare e riguardare, per riflettere, sullo stato delle cose in italia, e per conoscerci meglio di come gli altri ci guardano o ci giudicano.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.