Passa ai contenuti principali

Derailed - Attrazione Letale

All'inizio, sembra la classica scappatella coniugale, di un uomo di successo, con famiglia normale, ma poi succede quello che non ti aspetti: La donna con la quale te la volevi spassare, viene in un certo senso violentata. Allora con i sensi di colpa, cerchi in tutti i modi di alleviare il suo dolore, l'uomo che l'ha violentata cosa fa? Ti chiede soldi in cambio del suo silenzio, allora per salvare la famiglia, cerchi di risolvere il tutto senza fare del male a nessuno, magari compiendo azioni che normalmente non faresti. Ma che succede quando ti accorgi che è stata tutta una truffa, un imbroglio, ordito solo per fregarsi i suoi soldi, e che tutti quanti erano d'accordo? Mikael Håfström, costruisce un film solido, che non lascia nulla al caso, il merito di tutto va sicuramente alla recitazione degli attori, Vincent Cassell e Clive Owen in testa, che riescono laddove una regia un po' troppo patinata, e una sceneggiatura con ben troppe cose sulla piazza in parte non funzionano.
Si, perchè se sulla carta la storia sembra vincente, si perde in una narrazione, con troppa tensione, se fosse stata più misurata e meno impetuosa il film ne avrebbe guadagnato parecchio. Si perdono di vista i personaggi secondari, come la moglie, e la figlia. Perchè non analizzarli meglio? Perchè non conoscerli meglio? Tutto si concentra sulla truffa, perdendo di vista anche personaggi che ne avrebbero guadagnato maggiormente con la storia, fattostà che senza il luciferino Vincent Cassell nel suo ruolo di villain, è qualcosa che vale la pena di guardare, soprattutto per la bravura con cui lo caratterizza. Non è da meno anche Clive Owen, che nonostante sia il pollo che hanno spennato, al momento giusto tira fuori le palle, dimostrando che non è uno dei tanti che hanno deciso di spennare, riprendendosi la grana, che serviva soprattutto per curare sua figlia.
E' un film decisamente ad alta tensione, che nonostante i difetti, si lascia vedere bene, un opera che passa e va, piacevole da guardarsi, soprattutto se si ha voglia di emozioni forti, senza però aspettarsi grandi risultati. E' un film di intrattenimento, tanto per staccare la spina, certo che Jennifer Aniston, nel ruolo di femme fatale è poco credibile, colpa di un aspetto fin troppo convenzionale e soprattutto normale, che la fa apparire fuori ruolo.
NON MALE.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.