Passa ai contenuti principali

La città incantata

Nell'era del 3D, quasi quasi ci si dimentica dei tradizionali cartoni animati. Ma chi è veramente cinefilo, sa riconoscere i limiti, e avvolte le pompagini, che il 3D avvolte ci propina, tralasciando la grafica che resta superlativa, anche se un po' troppo artificiale. Ci si sorprende davanti alla poesia e alla semplicità dei vecchi film d'animazione, oddio non proprio vecchi, diciamo dei film d'animazione tradizionali, quando sono supportati da una storia sorprendete come appunto questo bellissimo, La città incantata. Per me è stato come tornare a quando da bambina guardavo i cartoni in tv, è l'effetto ricordo di storie che in un certo senso ti inseriscono nel film, e ti vedi come uno dei personaggi.
Il film è una fiaba a tutti gli effetti, e narra la storia di una ragazzina di 10 anni, che con i suoi genitori è in viaggio verso una nuova residenza. Appena arrivati su una strada che sembra una scorciatoia la oltrepassano, nonostante ci sia davanti una pietra. Nonostante ciò arrivano nella città. All'improvviso si trovano davanti a montagne di cibo, i genitori cominciano a mangiare voracemente dimenticando una cosa importante: la loro bambina, che si vedrà costretta a cercare una soluzione per salvare i genitori colpiti da incantesimo e trasformati in maiali. Riuscirà la piccola Chihiro a salvare i suoi genitori e cosa fondamentale a non dimenticare il suo nome? E lo strano ragazzo che le offre una mano, riuscirà a ricordare chi è e a salvarsi a sua volta?
Un film straordinario, tutto da guardare, per la semplicità con cui è raccontata la storia, e, soprattutto per la capacità di Miyazaki nel raccontarla. Non è il classico film d'animazione tutto fuochi d'artificio, ma un autentico gioiellino, capace di far riflettere e conquistare, e non è da tutti i giorni riuscire a portare una simile poesia e trasmettere, tanti sentimenti con un semplice cartone animato. Ma Miyazaki ci fa comprendere che quello a cui stiamo assistendo non è un semplice cartone animato, è una storia con una sua precisa genesi, e la si deve guardare, i personaggi sembrano assurdi, un po' matti, ma siamo o non siamo in una città incantata? Ovviamente c'è una cosa fondamentale che lega il tutto: la magia.
Basta, non dico nulla altrimenti vi rovinerei la visione di questo piccolo grande film, per me è un capolavoro; ma sono sicura che rimarrete conquistati dopo averlo visto.
CAPOLAVORO.





Commenti

  1. Film meraviglioso. Senza alcun dubbio.

    RispondiElimina
  2. l'ho visto qualche giorno fa, ed è davvero bellissimo, e Miyazaki è davvero aldilà

    RispondiElimina
  3. si questo film è incredibile, da recuperare per guardarlo e riguardarlo ^_^

    RispondiElimina
  4. ti cito velocemente "un autentico gioiellino" ;)

    RispondiElimina
  5. è un film sorprendente, che ha conquistato pure me ^_^

    RispondiElimina
  6. non l'ho visto ma concordo con le considerazione sul 3D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.