Passa ai contenuti principali

La città incantata

Nell'era del 3D, quasi quasi ci si dimentica dei tradizionali cartoni animati. Ma chi è veramente cinefilo, sa riconoscere i limiti, e avvolte le pompagini, che il 3D avvolte ci propina, tralasciando la grafica che resta superlativa, anche se un po' troppo artificiale. Ci si sorprende davanti alla poesia e alla semplicità dei vecchi film d'animazione, oddio non proprio vecchi, diciamo dei film d'animazione tradizionali, quando sono supportati da una storia sorprendete come appunto questo bellissimo, La città incantata. Per me è stato come tornare a quando da bambina guardavo i cartoni in tv, è l'effetto ricordo di storie che in un certo senso ti inseriscono nel film, e ti vedi come uno dei personaggi.
Il film è una fiaba a tutti gli effetti, e narra la storia di una ragazzina di 10 anni, che con i suoi genitori è in viaggio verso una nuova residenza. Appena arrivati su una strada che sembra una scorciatoia la oltrepassano, nonostante ci sia davanti una pietra. Nonostante ciò arrivano nella città. All'improvviso si trovano davanti a montagne di cibo, i genitori cominciano a mangiare voracemente dimenticando una cosa importante: la loro bambina, che si vedrà costretta a cercare una soluzione per salvare i genitori colpiti da incantesimo e trasformati in maiali. Riuscirà la piccola Chihiro a salvare i suoi genitori e cosa fondamentale a non dimenticare il suo nome? E lo strano ragazzo che le offre una mano, riuscirà a ricordare chi è e a salvarsi a sua volta?
Un film straordinario, tutto da guardare, per la semplicità con cui è raccontata la storia, e, soprattutto per la capacità di Miyazaki nel raccontarla. Non è il classico film d'animazione tutto fuochi d'artificio, ma un autentico gioiellino, capace di far riflettere e conquistare, e non è da tutti i giorni riuscire a portare una simile poesia e trasmettere, tanti sentimenti con un semplice cartone animato. Ma Miyazaki ci fa comprendere che quello a cui stiamo assistendo non è un semplice cartone animato, è una storia con una sua precisa genesi, e la si deve guardare, i personaggi sembrano assurdi, un po' matti, ma siamo o non siamo in una città incantata? Ovviamente c'è una cosa fondamentale che lega il tutto: la magia.
Basta, non dico nulla altrimenti vi rovinerei la visione di questo piccolo grande film, per me è un capolavoro; ma sono sicura che rimarrete conquistati dopo averlo visto.
CAPOLAVORO.





Commenti

  1. Film meraviglioso. Senza alcun dubbio.

    RispondiElimina
  2. l'ho visto qualche giorno fa, ed è davvero bellissimo, e Miyazaki è davvero aldilà

    RispondiElimina
  3. si questo film è incredibile, da recuperare per guardarlo e riguardarlo ^_^

    RispondiElimina
  4. ti cito velocemente "un autentico gioiellino" ;)

    RispondiElimina
  5. è un film sorprendente, che ha conquistato pure me ^_^

    RispondiElimina
  6. non l'ho visto ma concordo con le considerazione sul 3D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.