Passa ai contenuti principali

Larry Flynt oltre lo scandalo

Ok mi dite, ma metti la locandina che ha fatto scandalo? Si la metto, perchè il film parla di un uomo, editore della più insulsa rivista pornografica d'america, che è stato vittima della persecuzione censoria e bigotta d'america. Il film parla della libertà d'espressione ma soprattutto parla di persone a cui questa libertà, sta fin troppo stretta diciamo. In america si può parlar di guerra, puoi mostrare le viscere in fotografie dei cadaveri, ma se mostri la vagina di una donna in bella vista è più scandaloso, è da censurare, è da condannare.
Larry Flynt, è stato in america come una specie di Hugh Hefner, ma se Playboy veniva in qualche modo accettata dalla società, con le sue interviste a politici e a personaggi famosi, Flynt  veniva censurato perchè non aveva paura di mostrare sesso vero nelle sue pubblicazioni, e, cosa ancor più grave fare parodia di persone ritenute integgerrime.
Flynth è stato vittima di processi ingiusti, e persecutori, ma lui non si è spaventato di tutto ciò, e da editore pornografico, - la rivista si chiama Hustler, ed è nata in un primo tempo per pubblicizzare i suoi strip club - si fa portavoce della libertà d'espressione, e di come le istituzioni americane vogliono censurare la sua rivista solo perchè è una rivista pornografica che fa parodie - una tra tutte quella del reverendo fallwell che citerà in giudizio Flynt per diffamazione perdendo la causa - e non è come Playboy, che mostra fotografie patinate etc etc etc...nonostante ciò la rivista vende milioni di copie, ogni volta che vogliono censurarla, ogni volta che ci sono processi e ogni volta che si inventa scoop immaginari, o presunti tali, vedi la taglia su chi scopre l'assassino  di Kennedy e le foto nuda di Jackie che hanno fatto decollare la rivista, che è partita in sordina, e all'inizio gli hanno rimandato le copie, per poi esplodere in una vendita che non si poteva controllare, perchè poi più una cosa la proibisci, più la gente la compra, hanno addirittura arrestato i giornalai che la vendevano.
L'unica colpa di Flynt era pubblicare una rivista, che seppur discutibile per costituzione aveva il diritto a pubblicarla, una persona se non vuole comprarla non la compra, se non ti piace una cosa non la compri, non la segui, non hai nessun diritto a non permettere a un altra persona di pubblicarla o di venderla.
Tra i censori più accaniti c'è anche Keating, un truffatore che è finito in prigione per aver rubato un mare di soldi ad una banca, ma quello è più accettabile piuttosto che far pubblicare una rivista, seppur pornografica non faceva del male a nessuno, sempre se comprata, letta e sfogliata da un adulto.
Nell'america bacchettona e moralista, non si accettano riviste pornografiche, non si accetta che una persona editi queste riviste, una persona può essere contraria a queste riviste, e se sei contrario non la leggi stop. Ma non si può permettere che una elite debba scegliere cosa devo o non devo leggere, perchè questo fa parte di un regime dittatoriale, e non di un regime democratico.
Scritto da Scott Alexander e Larry Karazewsky, e diretto da Milos Forman, è un film che racconta la biografia di un magnate, che lotta duramente per la libertà d'espressione, ed è stato vittima della censura e della moralizzazione di una nazione, che deve scegliere cosa  e come una persona debba leggere. Che la pornografia non si faccia leggere ai bambini è sacrosanto, devono essere i genitori a togliere queste riviste di mezzo, e anche i giornalai, fare in modo che  i bambini non vedono riviste porno...ma si sa, è meglio colpevolizzare e perseguitare invece di capire che la libertà d'espressione, che ci piaccia o no, è una cosa fondamentale, e non ci può essere una commissione o una censura che stabilisca cosa si debba leggere. Il film è prodotto inoltre da Oliver Stone e interpretato da Courtney Love, Edward Norton e Woody Harrelson, Larry Flynth oltre lo scandalo ha vinto l'orso d'oro a Berlino e racconta con assoluta sincerità, il dramma di un uomo che ha subito la più infamante persecuzione solo perchè ha pubblicato una rivista. Forman per questo film, usa un linguaggio narrativo, che esalta i personaggi e ce li fa conoscere nel loro intimo, non scadendo mai in raffiguranti macchiette, cercando di capire quali meccanismi ci sono stati dietro questa censura e anche di non condannare i personaggi per quello che fanno.
Nell'america puritana un film su Flynth non ha avuto il successo che meritava, ma la pellicola anche se è polemica merita di essere vista. Anche per capire il personaggio e soprattutto il fenomeno della pornografia, seppur discutibile ha squarciato le ipocrisie e i segreti di tutti gli americani.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



Commenti

  1. strepitoso!
    uno dei miei cult assoluti
    woody harrelson + courtney love + edward norton fenomenali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno :) la scena che mi ha colpito parecchio è quando gli muore la moglie, lì è davvero toccante ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…