Passa ai contenuti principali

Sirene

Tutti noi siamo stati adolescenti, che è quella fase della vita in cui stai crescendo, e crescendo ti accorgi che il mondo intorno a te diventa strano, ti fai mille domande su cosa vorresti essere e soprattutto cosa ti aspetti dalla vita, si fanno sogni e tante altre cose.
Questa è la storia di Charlotte Flax, che poi è la voce narrante del film, una ragazza un po' timida, in piena crisi adolescenziale, che vorrebbe farsi suora. Sua madre invece, è l'esatto opposto. Spudorata, esuberante ed incapace apparentemente di fermarsi e parlare con la figlia, che non sa cosa fare della vita, lei cerca ovviamente di svegliarla un po', finchè non arriva in città il campanaro di cui Charlotte si  innamora perdutamente. E' proprio qui che la crisi mistica della ragazza si accentua ancora di più, ma non avendo qualcuno con chi parlare fugge via, da una famiglia strampalata, da una madre troppo esuberante, cercando la famiglia perfetta che non ha.
La madre intanto fraternizza con un uomo che sembra essere giusto per lei: Lou, proprietario di un negozio di scarpe che sin da subito dimostra di avere un debole per lei, è arrivato il momento di piantare i chiodi al muro?
Una commedia deliziosa, interpretata da una spumeggiante Cher, da Bob Hoskins, che segna un debutto particolare, quello di Christina Ricci, che diventerà famosissima nei novanta grazie anche al film Casper.
Un film semplice, schietto, che parla di vita, di amore, soprattutto di quella fase particolare in cui siamo passati tutti, l'adolescenza, coaudiuvato da un cast sorprendente, e da una regia sincera e spudorata, che non ha paura di raccontare la storia, perchè la conosce fin troppo bene, Richard Benjamin, caratterizza i suoi protagonisti con una naturalezza e un realismo sorprendenti.
Uno dei film dei tempi d'oro di un altra attrice che apprezzo molto, Winona Ryder, che all'epoca era famosissima, e che aveva davanti a se una brillante carriera allora.
DA NON PERDERE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.