Passa ai contenuti principali

The Ward - Il reparto

Ultima pellicola del mago dell'horror, che ritorna al cinema nove anni dopo dal bellissimo e sottovalutato Fantasmi da marte. Questa volta punta su un soggetto un po' diverso, che ricorda il film Il Seme della Follia anche se non raggiunge il livello di capolavoro. The Ward si presenta come un onesto film di genere, diretto da un maestro che sa come raccontare una storia horror, e solo per questo merita un recupero.
La protagonista è Amber Heard, un attrice giovane che nell'interpretare la protagonista se la cava egregiamente: ma passiamo al film.
La storia narra il ritrovo di una ragazza, che dopo aver incendiato una fattoria, viene portata dai poliziotti in un ospedale psichiatrico. Internata contro la sua volontà dovrà fare i conti con le altre internate che in un primo momento la tengono alla larga. Ben presto dovrà confrontarsi con una strana presenza nell'ospedale, molte ragazze che sono andate via poi non sono tornate più. Cosa è successo di così sconvolgente nell'ospedale? E chi è questa strana presenza che sconvolge la vita delle altre ragazze che vivono nell'ospedale? Quale segreto si cela dentro le mura di quell'ospedale psichiatrico? Per Christin (Heard) sarà un viaggio per scoprire un atroce realtà, e dovrà anche scoprire chi è che piano piano sta facendo scomparire le ragazze ricoverate. La realtà sarà più sconvolgente di quanto crede.
Ecco il mio parere, onesto film di genere? Un film del geniaccio è più che un onesto film di genere, si lo so sono le parole di una fan quindi sono un po' di parte. Quello che sorprende è constatare l'abilità di Carpenter di riuscire a dirigere una storia apparentemente semplice e fare un ottimo lavoro; cosa più unica  che rara di questi tempi, e sono i grandi autori di talento lo sanno fare. Il film si presenta come una lenta discesa agli inferi con sorpresa finale, scritta in maniera intelligente e astuta in modo tale che lo spettatore sia incollato alla poltrona dall'inizio alla fine. Beh sapete tutti che dietro alla macchina da presa non c'è un dilettante, ma un regista con le palle, che riesca anche a dare il colpo di scena finale, con una sorpresa finale: e che sorpresa.
Tenete d'occhio anche Jared Harris nel ruolo del dottor Stringer, psichiatra mefistofelico la cui interpretazione intriga e che ha in serbo l'agghiacciante sorpresa finale.
Un film tutto da vedere, anche se non ha una trama originalissima.
DA COLLEZIONARE.






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.