Passa ai contenuti principali

Hulk

Anche Ang Lee, ha ceduto alla moda o meglio alla tendenza dei film tratti da fumetti marvel. Lui ha scelto un personaggio complesso, un eroe difficile, e ha diretto la prima versione cinematografica di Hulk.
Essendo un film ad alto budger, devo dire che Ang Lee, ha fatto la sua bellissima figura, perchè pur essendo Hulk un blockbuster, riesce a colpire al segno lo spettatore; con la personificazione dei personaggi. E per un comic movie è una cosa piuttosto rara riuscire a caratterizzare i personaggi da creare un alchimia con chi guarda il  film, che diciamocelo non sarà mai un capolavoro, ma tra altri film fa la sua porca figura - detto in senso buono però - ora sicuramente c'è chi odia questo film e non l'ho metto in dubbio, però sono sicura che tra tanti personaggi dei fumetti che vanno dagli X-Men. Spiderman. e Iron Man, non sfigura di certo.
Ecco la trama, David Banner è un giovane scenziato di talento, ha un oscuro passato con cui dovrà fare i conti, e un padre che l'ha abbandonato che ritorna dopo tanti anni, ha una ragazza che lo ama il cui padre cerca di far luce sugli eventi che stanno per arrivare...e arriveranno ben presto, con conseguenze devastanti.
David Banner fa degli esperimenti con la nanotecnologia per rimarginare le ferite, tutto sembra procedere bene, ma la rana che sta usando muore scoppiando letteralmente, ma non si da per vinta e fa ulteriori ricerche in proposito. Un giorno rimane vittima di un incidente causato da un collega invidioso di lui e dei suoi successi, ma lui rimane miracolosamente illeso. C'è una conseguenza di questo incidente, causata anche da alcuni esperimenti fatti dal padre prima del suo concepimento e con l'incidente, innescano una reazione che quando si innervosisce si trasforma in un gigante verde. Il pericolo è imminente e il passato torna a fare capolino per pretendere il suo rendiconto, ci sarà uno scontro senza esclusione di colpi e David dovrà salvare il mondo, soprattutto dopo la scoperta dei piani diabolici di suo padre, che vuole e pretende il suo potere, riuscirà David dopo che ha scoperto la verità sull'abbandono paterno a non soccombere e a salvare il mondo?  Riuscirà a salvarsi dagli scenziati che lo vogliono studiare e dai militari che lo vogliono ingabbiare?
Un film senza esclusione di colpi, dalla sceneggiatura incalzante, e dalla regia sorprendente. Bellissimi anche gli effetti speciali che sono piuttosto realistici e curati nei minimi dettagli. Il cast di attori è la ciliegina sulla torta, Eric Bana interpreta David/Hulk, Nick Nolte interpreta il padre di David e Jennifer Connelly è la fidanzata Betty, che cerca in tutti i modi di salvargli la vita e di comprenderlo. In conclusione, se amate i comic movies non potete perderlo.
APPETITOSO



Commenti

  1. Da Marvel-fan di vecchissima data su questo film nutro diverse riserve. E' vero che Lee ha cercato di dare un tocco d'autore alla pellicola è ciò è un bene. Il risultato però va a sfociare diverse volte nella noia. Inoltre gli effetti speciali reggono finché Hulk non è "inquadrato" troppo da vicino, la resa digitale non è ancora soddisfacente, forse i tempi non erano ancora maturi. L'unico Hulk decente è quello che si è visto solo quest'anno nel film degli Avengers, agli altri sinceramente preferivo Lou Ferrigno pittato di verde. Non so, penso che anche tra i cinecomics ci sia di meglio. Nolan ha dimostrato come mettere un tocco d'autore nel genere così come aveva fatto Tim Burton e in piccola parte anche Singer sugli X-Men.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si diciamo che non è un film perfetto, e diciamo anche che non è il genere che di solito Lee tocca, nonostante ciò non mi è dispiaciuto proprio XD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.