Passa ai contenuti principali

Un altra giovinezza

Questo film ha segnato la definitiva consacrazione nel mio cuore di un autore, un artista, che si è affacciato nel lontano 1994 con il bellissimo Bram Stoker's Dracula che mi ha fatto conoscere il genio incontrastato di Francis Ford Coppola; si parlo di genio, perchè oltretutto Coppola lo è, inutile negarlo poi perchè guardando questo film ho ricevuto la definitiva conferma che dovevo tenerlo di più in considerazione. Innanzitutto Un altra giovinezza è un film sottovalutatissimo, per alcuni incomprensibile, altri lo hanno paragonato addirittura a INLAND EMPIRE di Lynch, ma io credo che il paragone sia prima di tutto improponibile, poi sono due film diversissimi: questo film per me è un piccolo capolavoro da non sottovalutare.
Ok ognuno ha idee differenti in proposito, un opera cinematografica può piacere o meno; ognuno di noi ha sensazioni e reazioni diverse davanti a una pellicola, e questo è comprensibile. Credo che Un altra giovinezza tratta dei temi di una profondità assoluta, che per alcuni possono essere criptici, e per altri fuori luogo. Io credo che aldilà di tutto è un film che bisogna comprendere, e soprattutto bisogna interpretare, tra i temi fondamentali di questa pellicola sorprendente ci sono la vita, e l'amore, e soprattutto la presenza distante di Dio. E' questa spiritualità in cui il film è centrato avvolte anche impregnato, che lo rende mistico, misterioso, ci sono scene che ti ipnotizzano e ti incantano, e sono cose che mi hanno colpita moltissimo perchè non me le aspettavo da Francis Ford Coppola, e forse questa non aspettativa, che mi ha sorpreso fino a considerarlo uno dei più interessanti registi di tutti i tempi, ok ora potete pure dire il contrario, a me il film è piaciuto un sacco, e non metto in dubbio che un giorno verrà rivalutato, succede a parecchie pellicole, perchè non a questa? Di certo è un opera talmente lontana dalle sue precedenti che può senza dubbio suscitare scontento nei suoi fans, ma avendo visto un bel po' di film di Coppola, - non li ho ancora visti tutti, ma non è detto che comincio a farlo molto presto, soprattutto quelli che mi mancano di vedere - posso sostenere che in futuro verrà preso in considerazione meglio.
Io me lo auguro, e questo film ha tutte le carte in regola per essere rivalutato col tempo, come una delle più sincere, ma soprattutto profonde pellicole del grande maestro americano.
La trama racconta di un professore, che colpito da un fulmine all'improvviso comincia a ringiovanire, incontra una ragazza che dopo un incidente comincia a parlare una lingua sconosciuta, ma siamo negli anni trenta, i nazisti vorrebbero catturarlo per fare esperimenti, e per scoprire come mai ringiovanisce dopo il fulmine, quali segreti si celano dietro questa apparente e inspiegabile giovinezza?
E' un film tutto da vedere, ma fatelo col cuore limpido, senza essere influenzati da altri pareri, fatelo con la mente aperta e libera, sono sicura che avrete le mie stesse sensazioni dopo la visione.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.