Passa ai contenuti principali

La guerra è dichiarata

E' il film che ha entusiasmato la critica questa estate. Il cinema francese sembra rinato, e sappiamo benissimo il glorioso passato che ha avuto, ma bando alle ciance, parliamo del presente; La guerra è dichiarata è un film tratto da una storia vera: la storia del figlio di Valèrie Donzelli, regista di questo bellissimo film, che ha voluto raccontare il suo dramma; all'inizio sembra il classico film palloso, di quelli che quasi quasi ti annoiano e per cui spegneresti volentieri il televisore, poi man mano che la storia va avanti ti accorgi che la storia è coinvolgente; e nonostante tutto ti accorgi che questi genitori un po' in ansia stanno per vivere la più tragica delle avventure della vita: la malattia del bambino. Di che malattia si tratta? Un tumore al cervello, e allora nonostante tutto non si arrendono e cominciano una guerra alla malattia, aiutati dai medici per salvare la vita al bambino. Tra le tante scene drammatiche segnalo la terribile corsa del padre mentre urla, dopo che ha saputo della malattia del suo bambino, urla drammatiche, dolorose, laceranti, di una persona che sta per provare il più grande dolore che un essere umano può soffrire: la perdita di un figlio.
Ma non sarà così fortunatamente, perchè questi due ragazzi, che all'inizio vediamo come moderni Romeo e giulietta, alle prese con l'innamoramento e le prime difficoltà della vita, dimostreranno di avere due palle così, è il loro coraggio che salverà il bambino, anche se poi dopo poco tempo la loro storia finirà e resteranno in buoni rapporti visto che hanno deciso di raccontarlo in un film.
Un film che mi ha sorpresa e che mi ha coinvolta, rivelando con assoluta semplicità il talento e il dolore di una donna, che ha voluto raccontare la sua storia drammatica, in maniera spiccia, semplice, senza falsi piagnistei. Un opera sorprendente che merita molto, soprattutto per la grande semplicità con cui viene raccontata la storia, che seppur sia sorprendente, appare piuttosto incompleta, perchè certe volte si ha l'impressione di guardare un mezzo documentario, ma cosa possiamo dire di un film bello come questo?
Si solo una cosa, andate a vederlo ma forse l'ho detto già. Ok non fa niente l'ho ripetuto, se vi piace ditemelo, e se non vi piace pazienza.
APPETITOSO


Commenti

  1. grandissimo film!
    valerie donzelli nuova fenomena del cinema francese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si a me è piaciuto moltissimo come film, parte a rilento per sorprenderti a metà, dopodichè non te molla più :)

      Elimina
  2. Arwen, io seguo molto il cinema francese per passione e sono stato molto felice che questo film sia arrivato da noi. Spero che l'effetto di Quasi amici sui distributori nostrani perduri il più a lungo possibile perchè così ci permetterà di vedere pellicole , come questa che altrimenti avremmo dovuto recuperare solo per vie traverse...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.