Passa ai contenuti principali

La guerra è dichiarata

E' il film che ha entusiasmato la critica questa estate. Il cinema francese sembra rinato, e sappiamo benissimo il glorioso passato che ha avuto, ma bando alle ciance, parliamo del presente; La guerra è dichiarata è un film tratto da una storia vera: la storia del figlio di Valèrie Donzelli, regista di questo bellissimo film, che ha voluto raccontare il suo dramma; all'inizio sembra il classico film palloso, di quelli che quasi quasi ti annoiano e per cui spegneresti volentieri il televisore, poi man mano che la storia va avanti ti accorgi che la storia è coinvolgente; e nonostante tutto ti accorgi che questi genitori un po' in ansia stanno per vivere la più tragica delle avventure della vita: la malattia del bambino. Di che malattia si tratta? Un tumore al cervello, e allora nonostante tutto non si arrendono e cominciano una guerra alla malattia, aiutati dai medici per salvare la vita al bambino. Tra le tante scene drammatiche segnalo la terribile corsa del padre mentre urla, dopo che ha saputo della malattia del suo bambino, urla drammatiche, dolorose, laceranti, di una persona che sta per provare il più grande dolore che un essere umano può soffrire: la perdita di un figlio.
Ma non sarà così fortunatamente, perchè questi due ragazzi, che all'inizio vediamo come moderni Romeo e giulietta, alle prese con l'innamoramento e le prime difficoltà della vita, dimostreranno di avere due palle così, è il loro coraggio che salverà il bambino, anche se poi dopo poco tempo la loro storia finirà e resteranno in buoni rapporti visto che hanno deciso di raccontarlo in un film.
Un film che mi ha sorpresa e che mi ha coinvolta, rivelando con assoluta semplicità il talento e il dolore di una donna, che ha voluto raccontare la sua storia drammatica, in maniera spiccia, semplice, senza falsi piagnistei. Un opera sorprendente che merita molto, soprattutto per la grande semplicità con cui viene raccontata la storia, che seppur sia sorprendente, appare piuttosto incompleta, perchè certe volte si ha l'impressione di guardare un mezzo documentario, ma cosa possiamo dire di un film bello come questo?
Si solo una cosa, andate a vederlo ma forse l'ho detto già. Ok non fa niente l'ho ripetuto, se vi piace ditemelo, e se non vi piace pazienza.
APPETITOSO


Commenti

  1. grandissimo film!
    valerie donzelli nuova fenomena del cinema francese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si a me è piaciuto moltissimo come film, parte a rilento per sorprenderti a metà, dopodichè non te molla più :)

      Elimina
  2. Arwen, io seguo molto il cinema francese per passione e sono stato molto felice che questo film sia arrivato da noi. Spero che l'effetto di Quasi amici sui distributori nostrani perduri il più a lungo possibile perchè così ci permetterà di vedere pellicole , come questa che altrimenti avremmo dovuto recuperare solo per vie traverse...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.