Passa ai contenuti principali

Detachment - Il distacco

"Non mi sono mai sentito allo stesso tempo, così distaccato da me stesso, e così presente nella realtà."

Inizia con questa frase, il nuovo film di Tony Kaye. L'ambientazione scolastica, ne concentra lo stato drammatico dei personaggi, che si ritrovano chiusi in un mondo, seppur piccolo, fin troppo concentrato e ristretto che annienta i sentimenti.
Tony Kaye torna al cinema, dopo lo sconvolgente e duro American History X portando in scena una storia, incentrata sul sistema scolastico, seppur con le sue regole, e con i ruoli di educatori, rimane incorato e aggrappato, non cercando sentimenti  avvicinandosi al mondo degli alunni, che non sono solo oggetti che apprendono, ma esseri  umani, con i loro problemi, le loro insicurezze, e le loro ossessioni. Il distacco è sottolineato dai ruoli, dalle etichette, tra insegnanti e alunni, tra presidi, e insegnanti, e tante altre cose, ognuno ha una sua etichetta, cosa che potrebbe essere sintetizzata anche nella vita vera, dove il professore Henry Barthes, un bravissimo Adrien Brody, che si fa rispettare dai suoi alunni, con pochi e semplici gesti, dato che la sua è una classe di ragazzi difficili. Lui ci riesce, e conquista persino il rispetto dei suoi alunni, tra i quali un ragazzo di colore, e una ragazza obesa che ha bisogno d'aiuto. Deve persino fare i conti con suo padre, e con un segreto legato alla sua famiglia, legato alla morte della madre, di cui il padre sembra sapere parecchie cose, e che verrà rivelato alla fine del film. 
Ma anche questo professore, rimane attaccato al suo ruolo di insegnante, non scende mai dal suo piedistallo, anche con la ragazza che si prostituisce in strada, con cui instaurerà un rapporto particolare, e che diventerà per lei una persona speciale, arrivato ad un certo punto stacca, non continua il rapporto, ma quando quella alunna compie un gesto disperato - scusate lo spoiler ma non ne posso fare a meno - decide di mettere in discussione la sua vita, cercando di rimediare alle sue lacune, e ricostruire l'unico rapporto vero e reale della sua vita, ci riuscirà?
Tony Kaye dirige un altra pellicola polemica, questa volta sul sistema scolastico, fin troppo ancorato, nel suo piccolo mondo, ci mostra gli educatori, che con i loro limiti, non riescono a comprendere, se mai ce ne fosse bisogno, che non possono limitarsi solo a dare compiti a casa, ma devono cercare di entrare in contatto con degli esseri umani, cercando di dare sostegno, e aiuto, oltre che le lezioni scolastiche.
Perchè il mondo della scuola, viene sottolineato come il mondo reale, da un regista particolarmente ispirato, che per una volta ha deciso di mostrare che è inutile ancorarsi in un ruolo, siamo esseri umani, non dobbiamo per forza essere tutti amici, ma dobbiamo cercare di dare supporto, a coloro che insegnamo qualcosa, non si è insegnanti solo per dare compiti in classe, si è insegnanti, anche per ascoltare il nostro prossimo, il ruolo dell'educatore è proprio questo, e viene sottolineato anche nella rappresentazione del privato dello staff amministrativo della scuola. C'è la direttrice, che è in crisi con il marito, che è stata appena licenziata,  c'è la segretaria innamorata del professor Barthes, che fraintende le intenzioni della giovane allieva, che gli chiedeva soltanto aiuto, ma si capiva benissimo che era infatuata di lui, anche se il professore era ben motivato ad aiutarla. Ecco questo distacco, alla fine reprime le emozioni umane, e ne carpisce lo spirito, evitando l'empatia.
Una scena fra tutte, quella della lottizzazione dei terreni, che sottolinea lo stato di superficialità in cui si monetizza tutto, e con questo dico tutto.
In conclusione, uno dei migliori film della stagione senza dubbio, con un Adrien Brody mai così intenso dai tempi del capolavoro di Roman Polanski  Il pianista.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

  1. Per me, una delle delusioni più incredibili dell'anno.
    Film spocchioso, retorico, falso e da piena incazzatura.
    Uno dei worst ten dell'anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come si dice, tutti i gusti sono gusti ^_^

      Elimina
  2. A me non è dispiaciuto: godibile e originale:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sottolinea il mondo fasullo di chi usa le etichette, e se le appiccica anche nella vita reale, il flm è una metafora che racconta questo ^_^

      Elimina
  3. concordo un film bellissimo che mette a nudo le pecche del sistema scolastico e l'incapacità di interpretare i bisogni educativi degli studenti (che poi porta ad un inevitabile distacco). Così come il distacco di insegnanti che si rifiutano di combattere una guerra già persa in partenza, mostrando grande rassegnazione.

    RispondiElimina
  4. impossibile non apprezzare un film così grandioso.
    certo a meno che non ci si chiami mr. ford... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco i due antagonisti per antonomasia hahaha, cmq Marco, che ce voi fà, tutti i gusti sono gusti XD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…