Passa ai contenuti principali

Toro Scatenato

La biografia di Jake La motta, diretta da Martin Scorsese è senza dubbio uno dei film americani più importanti di tutti i tempi.
Non è facile per me redigere una recensione ad un film così importante, non so perchè. Credevo fosse facile scrivere di grandissimi film, ma in un modo o nell'altro, so di certo,  che quando il valore di un opera superi dal suo livello, il passare del tempo tanto da diventare uno dei capolavori massimi della storia del cinema, non è mai tanto facile parlarne. La mia recensione stasera sarà un tributo affettuoso a un grande film, diretto da un grandissimo regista.
L'ascesa e la caduta di un pugile italoamericano, constantemente "corteggiato" dai gangster, che gli offrono salti di qualità per la sua carriera, le persone che gli vivono intorno: la moglie, che poi diventerà vittima della gelosia di Jake, il rapporto d'amore e odio con il fratello manager Joey - interpretato da un giovane Joe Pesci che da questo film fa coppia con Robert De Niro. E poi c'è lui: Jake. Vero animale da ring, una vita vissuta a far cazzotti e a sfogare una rabbia repressa, i cui sentimenti di amore e odio, vengono incentrati sulle figure più importanti della sua vita. Robert De Niro offre un interpretazione mostruosa, è inutile negarlo; sin dai primi minuti di film, dove prova le sue battute davanti allo specchio, fino all'ultima scena. Splendida la fotografia in bianco e nero che ricalca fedelmente lo stato d'animo dei protagonisti e l'era in cui il film è ambientato. Senza dubbio è uno dei più grandi film di Martin Scorsese, uscito nel 1980, all'inizio non ha avuto il successo che meritava, ma ha raccolto due oscar a De Niro, come migliore attore protagonista, e a Thelma Schoonmacker per il miglior montaggio.
Si tratta di una delle migliori pellicole del sodalizio artistico tra Scorsese e De Niro, che portano sullo schermo grazie all'adattamento di Paul Schrader e Mardik Martin, la vita del pugile Jake La Motta.
Portare sullo schermo una storia realmente accaduta, e per di più tratta da un libro, non è mai facile. E' la bravura di Scorsese, che lo ha reso capolavoro. Martin Scorsese, riesce a dare un impronta realistica al personaggio, facendo in modo che lo spettatore entri in comprensione con il personaggio. Un uomo vittima dei suoi eccessi, di rabbia, di gelosia, di frustazione, di odio, di amore, mischiati tutti insieme, che vengono sfogati solo in un unico posto: il ring. Ed è soprattutto sul ring che il toro si scatena, ma è un uomo vittima anche delle sue insicurezze, delle sue debolezze, e soprattutto della gelosia per la moglie Vicky - Cathy Moriarty al suo debutto sul grande schermo - che diventa per lui un ossessione, e ci sono anche i famosi "bravi ragazzi" che vogliono mettere le mani sulla gallina dalle uova d'oro. Nei primi tempi, Jake cerca di reagire, ma quando si vede tolta un altra vittoria - grazie a un incontro truccato - non può che scendere a compromessi con il businness ed è grazie al business che  riesce ad ottenere il titolo mondiale e diventare una leggenda, fino a quando un aggressione a suo fratello - che crede sia andato a letto con sua moglie - segna l'inizio del suo declino sul ring, e al conseguente ritiro.
Un film immenso, unico, le parole che ho espresso non esprimono appieno il valore reale di questa opera d'arte.
CAPOLAVORO ASSOLUTO.




Commenti

  1. Uno dei miei preferiti di Scorsese, ed uno dei più grandi film degli ultimi trent'anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, ci credi che mi sentivo talmente piccola quando ho iniziato a scrivere la recensione? Ero quasi intimidita, non mi era mai successo con nessun film :9

      Elimina
  2. Superlativo, uno dei migliori film di Scorsese, uno dei migliori di De Niro, uno dei migliori sullo sport. Uno dei migliori.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…