Passa ai contenuti principali

Mean Streets

Film fortemente autobiografico di Martin Scorsese, nel quale sono ben presenti e vengono sottolineate spudoratamente le sue tematiche abituali: l'incrocio tra un esistenza cristiana in un mondo sostanzialmente dominato da un gruppo criminale organizzato. E' un film duro spietato, che non ha mezze misure, i suoi personaggi vivono constantemente in un mondo senza pietà, ed è proprio qui che viene raccontata la nostra storia. Il protagonista è Charlie Cappa, uno straordinario Harvey Keytel, che ha uno zio mafioso a little italy e vorrebbe dargli dei compiti di responsabilità e aiutarlo, ma si scontra molto spesso con la sua grande fede e con la realtà di tutti i giorni del quartiere. Ha un amico che fa debiti a destra e sinistra, Johnny Boy, Robert De Niro, che non paga mai  e si mette sempre nei casini. Pur essendo amici d'infanzia, Charlie si renderà conto che la figura di Johnny sarà come una mina vagante nella sua vita. Ha persino una ragazza, Teresa, cugina di Johnny, una ragazza epilettica che lo zio non approva. Le cose peggiorano quando Johnny viene a sapere della storia di Charlie con sua cugina e minaccia di raccontarlo a suo zio, e precipitano ulteriormente quando un mafioso locale vuole indietro i soldi, e sta col fiato sul collo a Johnny boy, nonostante gli sforzi di Charlie per rimettere tutto a posto, Johnny pagherà il suo debito? O ci sarà un amara sorpresa?
Primo episodio della trilogia gangsteristica diretto da uno straordinario Martin Scorsese, che già con questo film si rivela un fuoriclasse. Il film, è a tutti gli effetti un capolavoro, e vede tra i protagonisti due attori in piena forma smagliante, Robert De Niro che interpreta Johnny Boy, personaggio psicotico e allucinato, e  Harvey  Keytel, nel ruolo di Charlie Cappa, un bravo ragazzo che comincia a fare i primi passi nel mondo del crimine grazie allo zio, ma a differenza di Johnny, Charlie ha una coscienza, e capisce che non si può cazzeggiare più di tanto con quella gente; cerca sempre nonostante tutto, di  mettere la buona parola, ma le pietre non si possono spremere più di tanto, ma allo stesso tempo non si può scherzare con i mafiosi, perchè quelli prima o poi te la fanno pagare.
Un film straordinario e sorprendente, che sottolinea la capacità di Scorsese nell'interpretare le sue tematiche e concentrarle in un film, non è un fatto semplice mostrare amore per Dio, ma allo stesso tempo impugnare la pistola. In questo film, la tematica ta credere in Dio e vivere nel mondo reale dominato dalla criminalità, è tutto portato con estrema lucidità e chiarezza; anzi avvolte talmente schietto che fa capire come sia diverso il mondo e la vita, dalla credenza in Dio.
Inoltre Scorsese, conosce bene i suoi protagonisti, e il mondo malfamato in cui interagiscono, e come un antropologo li racconta, con estrema schiettezza, e succederà anche con gli altri due capitoli della trilogia, imperdibili tutti quanti, e scusate se è poco.
CAPOLAVORO.




Commenti

  1. Un grandissimo film e un gigantesco Harvey Keitel come forse solo ne Il cattivo tenente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è bravissimo qui, il cattivo tenente prossimamente lo vedrò ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.