Passa ai contenuti principali

Requiem for a dream

Tutti noi abbiamo dei sogni, degli obbiettivi che vogliamo realizzare e soprattutto raggiungere. Capita avvolte che nella vita esistono delle abitudini che rendono difficile il reggiungimento di tali scopi. Il film è diviso in tre parti che sono: Estate, Autunno e alla fine Inverno. La primavera è stata volutamente esclusa perchè prima di tutto la storia non la prevede, secondo, i protagonisti non vedranno mai la luce e le loro azioni li porteranno a una discesa agli inferi senza possibilità di ritorno. Ok di solito non spoilero e mi scuso, ma questo fatto non poteva essere omesso, altrimenti avrei escluso una parte fondamentale della pellicola.
E' il secondo film di Darren Aronofsky ed è un opera particolare, complessa e sorprendente. Tra i protagonisti ci sono Jared Leto, Ellen Burstyn, che offre la migliore performance della sua carriera, e una ritrovata Jennifer Connelly, che con questo film rinverdisce una carriera rimasta un po' in ombra. Ed è proprio grazie a questo ruolo che verrà scelta dal regista Ron Howard per interpretare la moglie di Russell Crowe nel film A Beautiful Mind.
Ritorniamo al film, che mostra in maniera spregiudicata, tanto da risultare piuttosto disturbante la visione, e non metto in dubbio che ha sconvolto anche me, ma è in questa acuta lucidità che sta la genialata del film, che sottolineo tratto dal romanzo del 1978 di  Hubert Selby Jr, qui autore della sceneggiatura insieme a Darren Aronofsky. E' un film realistico, senza trucchi, senza buoni sentimenti, perchè infondo la vita è così, non ci sono quasi mai happy endings. Eppure in questa spregiudicatezza tocca una realtà molto vicina a tutti noi, il sogno di Sara di andare in tv, le fa perdere il senso della realtà. Pur di andare in tv comincia a drogarsi e a non rendersi conto che quelle pasticche per dimagrire sono in realtà droghe che la stanno distruggendo rendendola ancora più teledipendente. Le scene delle allucinazioni sono ancora più tremende, fanno impressione perchè sottolineano lo stato cieco dei protagonisti del film, che pur di raggiungere il loro requiem per un sogno, non guardano in faccia niente e nessuno. Suo figlio sta peggio di lei, vive di espedienti e per aiutare la sua ragazza, che vuole aprirsi un negozio di abbigliamento comincia a spacciare droga; e questo lo porterà sempre più a fondo, compresi tutti gli altri, sua madre, che finirà di essere l'ombra della persona che era, la sua ragazza, che finirà per prostituirsi, e l'amico che andrà in prigione.
Insomma non è il classico film per gente sensibile ve lo assicuro io, ma è intenso, realistico sconcertante e soprattutto vero. La bellissima colonna sonora firmata da Clint Mansell, accentua lo stato di  angoscia per lo spettatore che scena dopo scena, assiste al disintegrarsi dell'umanità che viene descritta nel film, i protagonisti sono capaci di cancellare loro stessi per inseguire un sogno, una utopia, nessuno mai si ferma a pensare alle conseguenze delle loro scelte, si fa qualsiasi cosa per apparire in tv, si fa qualsiasi cosa per un negozio di abbigliamento, si fa qualsiasi cosa per essere come non si è nella realtà; ma a quale scopo? Quello di perdere noi stessi?
Un film allucinante e incredibile, mostruosamente disturbante, sorprendentemente realistico ve lo assicuro, io l'ho visto due volte, e per tutte e due le volte sono rimasta impressionata, ma in maniera positiva.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. un film eccezionale e il libro è perfetto, da non perdere entrambi, aggiungo

    si soffre, leggendo e guardando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è un film che fa soffrire, e molto...ma cavolo spacca di brutto ^^

      Elimina
  2. Un pugno allo stomaco, c'ho messo un po' a riprendermi dopo averlo visto ma ne è valsa assolutamente la pena!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.