Passa ai contenuti principali

Requiem for a dream

Tutti noi abbiamo dei sogni, degli obbiettivi che vogliamo realizzare e soprattutto raggiungere. Capita avvolte che nella vita esistono delle abitudini che rendono difficile il reggiungimento di tali scopi. Il film è diviso in tre parti che sono: Estate, Autunno e alla fine Inverno. La primavera è stata volutamente esclusa perchè prima di tutto la storia non la prevede, secondo, i protagonisti non vedranno mai la luce e le loro azioni li porteranno a una discesa agli inferi senza possibilità di ritorno. Ok di solito non spoilero e mi scuso, ma questo fatto non poteva essere omesso, altrimenti avrei escluso una parte fondamentale della pellicola.
E' il secondo film di Darren Aronofsky ed è un opera particolare, complessa e sorprendente. Tra i protagonisti ci sono Jared Leto, Ellen Burstyn, che offre la migliore performance della sua carriera, e una ritrovata Jennifer Connelly, che con questo film rinverdisce una carriera rimasta un po' in ombra. Ed è proprio grazie a questo ruolo che verrà scelta dal regista Ron Howard per interpretare la moglie di Russell Crowe nel film A Beautiful Mind.
Ritorniamo al film, che mostra in maniera spregiudicata, tanto da risultare piuttosto disturbante la visione, e non metto in dubbio che ha sconvolto anche me, ma è in questa acuta lucidità che sta la genialata del film, che sottolineo tratto dal romanzo del 1978 di  Hubert Selby Jr, qui autore della sceneggiatura insieme a Darren Aronofsky. E' un film realistico, senza trucchi, senza buoni sentimenti, perchè infondo la vita è così, non ci sono quasi mai happy endings. Eppure in questa spregiudicatezza tocca una realtà molto vicina a tutti noi, il sogno di Sara di andare in tv, le fa perdere il senso della realtà. Pur di andare in tv comincia a drogarsi e a non rendersi conto che quelle pasticche per dimagrire sono in realtà droghe che la stanno distruggendo rendendola ancora più teledipendente. Le scene delle allucinazioni sono ancora più tremende, fanno impressione perchè sottolineano lo stato cieco dei protagonisti del film, che pur di raggiungere il loro requiem per un sogno, non guardano in faccia niente e nessuno. Suo figlio sta peggio di lei, vive di espedienti e per aiutare la sua ragazza, che vuole aprirsi un negozio di abbigliamento comincia a spacciare droga; e questo lo porterà sempre più a fondo, compresi tutti gli altri, sua madre, che finirà di essere l'ombra della persona che era, la sua ragazza, che finirà per prostituirsi, e l'amico che andrà in prigione.
Insomma non è il classico film per gente sensibile ve lo assicuro io, ma è intenso, realistico sconcertante e soprattutto vero. La bellissima colonna sonora firmata da Clint Mansell, accentua lo stato di  angoscia per lo spettatore che scena dopo scena, assiste al disintegrarsi dell'umanità che viene descritta nel film, i protagonisti sono capaci di cancellare loro stessi per inseguire un sogno, una utopia, nessuno mai si ferma a pensare alle conseguenze delle loro scelte, si fa qualsiasi cosa per apparire in tv, si fa qualsiasi cosa per un negozio di abbigliamento, si fa qualsiasi cosa per essere come non si è nella realtà; ma a quale scopo? Quello di perdere noi stessi?
Un film allucinante e incredibile, mostruosamente disturbante, sorprendentemente realistico ve lo assicuro, io l'ho visto due volte, e per tutte e due le volte sono rimasta impressionata, ma in maniera positiva.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. un film eccezionale e il libro è perfetto, da non perdere entrambi, aggiungo

    si soffre, leggendo e guardando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è un film che fa soffrire, e molto...ma cavolo spacca di brutto ^^

      Elimina
  2. Un pugno allo stomaco, c'ho messo un po' a riprendermi dopo averlo visto ma ne è valsa assolutamente la pena!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.