Passa ai contenuti principali

Biancaneve e i sette nani

Nell'epoca delle reinventazioni delle fiabe fa piacere riscoprire i classici che in un modo o nell'altro le hanno ispirate, ed ecco che ripesco dal calderone il primo, l'inimitabile capolavoro, il classico dei classici targato disney. Signore e signori toglietevi pure il vostro cappello, perchè questo è un signor film; potete dire che è banale, che è ormai superato, non me ne frega un accidente i filmetti di biancaneve usciti quest'anno  sono nulla a confronto, solo banali riscritture di un classico per renderlo più appetibile, e continuare a fare lavorare le "solite note" divette di saghe ormai ad uso e consumo di adolescenti in astinenza di feromoni. Qui, questo film, rispetta la fiaba di Andersen, e guardarlo non è solo una gioia per gli occhi, ma ti fa tornare bambina come se il tempo non fosse passato più.
la favola di Biancaneve ha accompagnato la nostra infanzia, dopo la visione dei succitati titoli il recupero del classico era quasi d'obbligo e rendere più tosta biancaneve, non fa sembrare stupida l'eroina creata da Andersen e non la reinventa: la banalizza soltanto.
Nell'epoca pre-femminismo biancaneve era una dolcissima ragazza tormentata dalla matrigna cattiva, salvata da una compagnia di nani pasticcioni, che si prendono cura di lei, e lei cucina per loro e ripulisce la casetta, in attesa del principe azzurro.
Non si può rendere tosta Biancaneve, anche se il personaggio ritratto dalla disney non era affatto stupida, era solo una normalissima ragazza, protagonista di una fiaba, e le fiabe signori miei sono fuori dalla realtà, sono fatte per sognare ad occhi aperti, restando sempre con i piedi per terra, sono fatte per imparare cose che ci accompagneranno nella vita reale da grandi, quindi ora vi porgo una domanda, che centra il femminismo con Biancaneve? Che centra renderla battagliera, una donna con le palle e guerrafondaia, quando è solo una normalissima persona, che deve salvarsi la pelle dalla matrigna cattiva, che cerca in tutti i modi di eliminarla per essere la più bella?
Il problema è uno solo, di cambia tutto per cercare di rimodernizzare qualcosa che non chiede la modernizzazione, dargli appeal, renderlo accattivante, penalizzando solo una cosa, il viaggio nella fantasia, che non deve mancare a chi guarda il film, e che solo il capolavoro disney riesce a trasmettere.
CAPOLAVORO.


Commenti

  1. Purtroppo non mi ha mai entusiasmata più di tanto, nemmeno da piccina, ma ha sicuramente un grande valore storico, artistico e culturale.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.