Passa ai contenuti principali

Birthday Girl

Il timido impiegato di banca John, Ben Chaplin, ha fatica a trovare la persona giusta. Si affida perciò a un sito specifico per trovare l'anima gemella, la trova in una ragazza russa di nome Nadia Nicole Kidman.
All'inizio le cose saranno complicate per entrambi, perchè Nadia parla solo russo, e John solo inglese, l'unico modo per comunicare all'inizio è il linguaggio del corpo. Piano piano però le cose cominciano a migliorare, anche perchè cominciano a capirsi anche attraverso uno stratagemma: Il linguaggio dei segni.
Va tutto bene finchè non arrivano dei vecchi cugini di Nadia, che in un certo senso vengono a rompere le uova nel paniere al timido impiegato.
John capirà che c'è qualcosa che non va, quando i cugini di Nadia imbavagliano la ragazza in cucina. Per poterla liberare, il giovane dovrà prelevare dei soldi e darli ai cugini. E così John si trova vittima di una truffa organizzata: come uscirne fuori?
E Nadia centra qualcosa? O anche lei è una pedina del gioco? Film bellissimo, un po' sottovalutato ai tempi dell'uscita, che mostra un gruppo di attori in straordinaria forma. Nicole Kidman, quell'anno è esplosa grazie a Moulin Rouge di Baz Luhrmann The Others di Alejandro Amènabar, questo è il terzo film con Nicole Kidman uscito nell'anno magico 2001, e forse è stato in ombra rispetto ai film precedenti; ma si presenta come una pellicola intelligente, spiccia, semplice, mostrando che nonostante tutto quando l'amore ci mette lo zampino non c'è nulla da fare.
Alla fine di tutto, nonostante la rabbia, John capisce di amare quella ragazza; e lei comprende una cosa fondamentale della vita: che bisogna sempe seguire il proprio cuore.
Il cuore ha delle ragioni che la ragione non comprende, è una realtà lucida, che viene descritta in modo non banale da un autore intelligente che conosce bene la storia che vuole raccontare, e ci fa amare i suoi protagonisti proprio come lui li ama. Non è da tutti i giorni guardare un film originale, che mostra senza falsi pudori e inutili ipocrisie, l'amore nelle sue tante sfaccettature. Si è molto parlato del nudo di Nicole Kidman, e il conseguente scandalo che è derivato da esso: ragazzi è solo un film; guardatelo senza farvi tanti problemi.
Jez Butterworth comunica con la sua mdp un linguaggio nuovo dell'amore, e lo traduce allo spettatore del film, anche se poi si capisce benissimo che Nadia vuole molto di più dalla vita, che seguire un duo di furfanti che non la porta da nessuna parte. Capisce che c'è qualcosa di diverso in John, e di tentare di dare una svolta alla sua vita. Riuscirà a dare un colpo di spugna?.
Non vi resta che guardare il film.
Bravissimi Vincent Cassell Mattew Cassovitz, nel ruolo dei cugini, che sanno tenere testa al quasi imbranato Ben Chaplin, prima che questi dimostri coraggio, ma è il personaggio che è così e lui lo interpreta in modo misurato e intelligente.
APPETITOSO.






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.