Passa ai contenuti principali

1997 fuga da New York

Chiamatemi Jena...E' questo il letit motiv del film, ed è questa la frase con la quale il film è diventato una leggenda del cinema.
John Carpenter, per una volta abbandona il cinema horror, per un film di fantascienza apocalittico, tutto muscoli e testosterone, come protagonista sceglie il suo attore feticcio Kurt Russell, che tornerà anche nel bellissimo e sottovalutato sequel.
1997 fuga da New York è diventato un film di culto; e John Carpenter nonostante si trovi in un territorio fino ad ora inesplorato, dimostra di sapersela cavare alla grande, perchè in questo film si toccano anche altri generi, tra cui la fantascienza e l'apocalisse. Per qualsiasi autore sarebbe stata una catastrofe, ma non per quel geniaccio di John Carpenter, che ha il coraggio di mettersi in gioco e vince la sua scommessa.
E' uno dei suoi migliori film appunto per questo motivo e per tanti motivi, tra cui l'assoluta freschezza della trama e personaggi accattivanti, tra cui spiccano il veterano Ernest Borgnine e Harry Dean Stanton, per la seconda volta in un film di Carpenter dopo Christine - la macchina infernale ma apparte questo, c'è la storia: il presidente è stato rapito dal conte, un criminale che vive nella parte di New York dove c'è la prigione più sicura del mondo, un luogo impossibile da raggiungere, e impossibile da uscire, e viene chiamato Jena Pliskeen purchè liberi il presidente e lo faccia tornare a casa. Qui si accorge che i torni non tornano, e che forse lo stesso presidente nasconde qualcosa...riuscirà Jena a scoprire il misfatto e rimettere le cose a posto come dice lui?
E non solo, lui deve fare in modo anche di salvarsi la pelle visto che  ha delle capsule di cianuro in corpo, e il tempo stringe, ma nel frattempo incontra strani individui tra cui un tipo bizzarro di nome mente, che conosce tante persone e sa come risolvere la questione: sarà lui ad aiutare Jena? Riusciranno a sconfiggere il conte? E cosa realmente nasconde il presidente?
Un film d'azione sorprendente, girato benissimo e con attori capaci di restare nell'immaginario sin dalla prima visione, bravissimi tutti i protagonisti, tra cui Donald Pleasance, qui nel ruolo del presidente. A pensare che Carpenter riusciva a girare piccoli film in maniera indipendente, opere che sono entrate nella leggenda e che hanno fatto la storia del cinema è un piacere scoprirli, guardarli e soprattutto recensirli per farli conoscere al grande pubblico.
Furbescamente Carpenter, lancia una certa critica sui muri che vengono alzati, per far si che i criminali rimangano dentro al ghetto, e le persone normali respirino l'aria liberi; lì dentro ci sono i reietti della società e fuori ci sono le persone per bene. Quando si guarda un film spesso certe cose non si notano, ma è giusto sottolinearle, il bene e il male non esistono, esiste solo l'essere umano, e non può vivere circondato da muri, perchè coloro che hanno alzato quei muri spesso sono più corrotti di coloro che ci vivono dentro.
CULTISSIMO.




Commenti

  1. Davvero un cult della nostra giovinezza (almeno della mia) insieme ad altri mostri sacri come I guerrieri della notte per esempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero è un cult, i guerrieri della notte mi sa che lo cerco, grazie della dritta ^_^

      Elimina
  2. super megacult! gran rece e grandissima l'accoppiata Russell-Carpenter

    cmq ho aperto un blog che spero possa servire a tutti i blog e siti che parlano di cinema. Si tratta di un unica pagina dove chiunque tramite un account facebook può commentare un film che ha visto e discutere sul giudizio con altri cinefili e volendo c'è la possibilità di pubblicizzare il tuo blog-sito in modo tale da farlo conoscere in giro. Per visitare il sito vai su:

    http://chefilmhaivisto.blogspot.it/

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.