Passa ai contenuti principali

Closer

Relazioni pericolose in america, potrebbe essere questo il sottotitolo di questa pellicola diretta da Mike Nichols e interpretata da Julia Roberts, Jude Law, Natalie Portman e Clive Owen; aspettate non è come credete voi un opera tratta dal romanzo di De Laclois, ma è tratta da una Pièce teatrale di Patrick Marber, che in questo film cura anche la sceneggiatura.
Un film provocatorio, soprattutto dal linguaggio, fortemente sessuale, e per un autore quale Mike Nichols, che ha raccontato il sesso senza peli sulla lingua, in modo verbale, qui si spinge oltre, e caratterizza la difficile vita sentimentale di due coppie, che constantemente si tradiscono per poi tornare insieme, in un gioco al massacro, che non lascerà vincitori, ma solo vinti, anzi un vincitore c'è, ma non ve lo dico, per saperlo guardate il film.
L'opera cinematografica di Mike Nichols, racconta il sesso mischiato con l'amore, usando un attrice virginale come Julia Roberts, ed è proprio per questo che funziona, perchè lei non ha fatto film provocatori, nè ha girato scene particolarmente esplicite, anzi è stata tra le attrici più pudiche in circolazione, ma i linguaggi pornografici di Nicholson, le fanno perdere L'amplomb, facendole acquistare una certa maturità d'attrice, sono lontani i tempi di Pretty Woman, in cui era una prostituta dal cuore buono, che incontrava il principe azzurro e si innamorava, una cenerentola, che per molto tempo non le ha dato possibilità di spiccare il volo verso alti e più congeniali livelli, lo fa con Mike Nichols, scegliendo per lei un personaggio forte, e maturo, che molti autori famosi non sono stati capaci di darle, molto brava anche Natalie Portman, con la sua ambigua identità che lascia il segno, non sto parlando di ambiguità sessuale, non centra niente perchè anche lei si divide tra i due uomini, l'ambiguità riguarda il suo nome, cosa che non viene mai chiarita fino in fondo.
I due anfitrioni sono rispettivamente Jude Law, che prima fa mettere insieme Julia Roberts con Clive Owen, e poi gliela sfila da sotto il naso, allo stesso tempo quest'ultimo si mette con Natalie Portman per ripicca, per poi tentare un approccio con la Roberts... se pensate che esista un film che ha raccontato quanto sia complicato l'amore più di Closer allora ditemi il titolo, che cerco di recuperarlo, il sottotitolo stesso dice Chi ama a prima vista, tradisce ad ogni sguardo almeno la locandina italiana diceva così.
Closer non è un capolavoro, ma è una spanna sopra a tanti filmetti romantico/sentimentali, per il realismo degli argomenti trattati, per la bravura dei suoi interpreti, e soprattutto per la regia, speziata, provocatoria, che non offre il classico contentino, ma nemmeno da il pugno nello stomaco, ma è capace di osare, e di questi tempi trovare un autore che osa è un evento più unico che raro.
DA COLLEZIONARE.




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.