Passa ai contenuti principali

Closer

Relazioni pericolose in america, potrebbe essere questo il sottotitolo di questa pellicola diretta da Mike Nichols e interpretata da Julia Roberts, Jude Law, Natalie Portman e Clive Owen; aspettate non è come credete voi un opera tratta dal romanzo di De Laclois, ma è tratta da una Pièce teatrale di Patrick Marber, che in questo film cura anche la sceneggiatura.
Un film provocatorio, soprattutto dal linguaggio, fortemente sessuale, e per un autore quale Mike Nichols, che ha raccontato il sesso senza peli sulla lingua, in modo verbale, qui si spinge oltre, e caratterizza la difficile vita sentimentale di due coppie, che constantemente si tradiscono per poi tornare insieme, in un gioco al massacro, che non lascerà vincitori, ma solo vinti, anzi un vincitore c'è, ma non ve lo dico, per saperlo guardate il film.
L'opera cinematografica di Mike Nichols, racconta il sesso mischiato con l'amore, usando un attrice virginale come Julia Roberts, ed è proprio per questo che funziona, perchè lei non ha fatto film provocatori, nè ha girato scene particolarmente esplicite, anzi è stata tra le attrici più pudiche in circolazione, ma i linguaggi pornografici di Nicholson, le fanno perdere L'amplomb, facendole acquistare una certa maturità d'attrice, sono lontani i tempi di Pretty Woman, in cui era una prostituta dal cuore buono, che incontrava il principe azzurro e si innamorava, una cenerentola, che per molto tempo non le ha dato possibilità di spiccare il volo verso alti e più congeniali livelli, lo fa con Mike Nichols, scegliendo per lei un personaggio forte, e maturo, che molti autori famosi non sono stati capaci di darle, molto brava anche Natalie Portman, con la sua ambigua identità che lascia il segno, non sto parlando di ambiguità sessuale, non centra niente perchè anche lei si divide tra i due uomini, l'ambiguità riguarda il suo nome, cosa che non viene mai chiarita fino in fondo.
I due anfitrioni sono rispettivamente Jude Law, che prima fa mettere insieme Julia Roberts con Clive Owen, e poi gliela sfila da sotto il naso, allo stesso tempo quest'ultimo si mette con Natalie Portman per ripicca, per poi tentare un approccio con la Roberts... se pensate che esista un film che ha raccontato quanto sia complicato l'amore più di Closer allora ditemi il titolo, che cerco di recuperarlo, il sottotitolo stesso dice Chi ama a prima vista, tradisce ad ogni sguardo almeno la locandina italiana diceva così.
Closer non è un capolavoro, ma è una spanna sopra a tanti filmetti romantico/sentimentali, per il realismo degli argomenti trattati, per la bravura dei suoi interpreti, e soprattutto per la regia, speziata, provocatoria, che non offre il classico contentino, ma nemmeno da il pugno nello stomaco, ma è capace di osare, e di questi tempi trovare un autore che osa è un evento più unico che raro.
DA COLLEZIONARE.




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.