Passa ai contenuti principali

Coraline e la porta magica

Ecco un piccolo gioiellino favoloso d'animazione. Dietro la macchina da presa c'è nientepopodimeno che Henry Selick, il regista di quel capolavoro dell'animazione stop motion che è Nightmare Before Christmas. Questa volta si tratta dell'adattamento dell'omonimo romanzo per l'infanzia scritto da Neil Gaiman. Il film è tale e quale ad una fiaba per bambini, che rappresenta un percorso di crescita della protagonista. Coraline, il cui nome viene scambiato sempre per Caroline, è una tipica bambina insoddisfatta, in cui genitori pensano sempre al lavoro. Lei cerca da loro le attenzioni che non le danno, un giorno, di notte e per caso, apre una porta magica e vi trova i suoi genitori, ma in maniera del tutto diversa da come sono di solito. Gentili, disponibili, accondiscenti...all'inizio Coraline ne rimane stupita, poi piano piano comincia ad accettare questa cosa, finalmente i genitori sono come li vuole lei...ma c'è un ma...
come in tutte le cose troppo perfette per essere vere, si comincia a capire effettivamente che qualcosa non tira per il verso giusto quando l'altra madre le dice che al posto degli occhi le devono mettere i bottoni. Finalmente capisce che non è tutto oro ciò che luccica, e quando si accorge del lato malvagio dell'altra madre, cerca in tutti i modi di rimediare al suo errore. Riuscirà la nostra eroina a capire che è meglio accettare i genitori per come sono, e cosa si cela nel nascondiglio dell'altra casa dove ci sono gli altri suoi genitori? Riuscirà a far luce sull'agghiacciante e crudele segreto che l'altra madre cela dietro ai sorrisi, e alla bontà?
Un film intelligente e per nulla banale, che a differenza di tanti filmetti racconta una fiaba, giusta per coloro che devono imparare una cosa fondamentale nella vita: accettare gli altri, sia con i loro pregi che con i loro difetti. Perchè se cominci ad accettarli, impari ad accettare anche te stessa per come sei. Riuscirà Coraline a capirlo?
Un piccolo grande film da non perdere, e da guardare, soprattutto per capire piccole cose fondamentali come l'amore, fatelo guardare anche ai più piccolini, i bambini hanno tanto da imparare con questo film.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.