Passa ai contenuti principali

La Sposa in nero

Ci sono molti modi per apprezzare un opera di Truffaut, tra quello in cui ti perdi in un suo film, al modo superficiale, al modo che uso io, ovvero con attenzione di particolari.
Non è la prima volta che vedo la sposa in nero, l'ho rispolverato per poter fare una recensione fresca e immediata, dato che sto finendo di recensire il suo cinema con una monografia non ufficiale, quindi libera, bene parliamo del film, per altre cose si usano altri salotti più consoni.
Con la sposa in nero Truffaut rende omaggio a uno dei suoi registi preferiti, Alfred Hitchcock, da sottolineare uno dei registi cardine che hanno fatto da guida agli autori della nouvelle vague francese, gioca ai rimandi del suo cinema e lo si nota, scena dopo scena, la protagonista è una donna, che il giorno del matrimonio rimane vedova, perchè proprio quando esce dalla chiesa, uccidono l'uomo che amava e che ha sposato, non esiste nessun altro che possa prendere il suo posto, nella sua mente  e nel suo cuore, una volta individuati i colpevoli, un gruppo di uomini che cazzeggiava giocando a carte e tanto per passare il tempo e buttare via la noia hanno deciso di sparare col fucile, e la vittima è il malcapitato sposo, ucciso per un colpo di fucile sparato per errore, quindi una volta individuati, si mette alla loro ricerca e li fa fuori, a uno a uno, usando qualsiasi mezzo consono o non consono, qualsiasi cosa per vendicare la morte dell'uomo che amava.
Truffaut per una volta disegna un ritratto di donna forte e consapevole di se, interpretata da una straordinaria Jeanne Moreau, che ritorna a lavorare con Truffaut dopo il bellissimo Jules e Jim il suo è un personaggio di donna tenace, che sa già cosa deve fare e soprattutto COME lo deve fare, il tutto questo è sottolineato da un soggetto tratto dal romanzo di Cornell Woolrich accreditato come William Irish, la sposa in nero è un noir, a tinte forti, ma anche molto sottile, quell'omicidio accidentale, forse commesso con troppa leggerezza, incatenerà coloro che lo hanno commesso, in una spirale che li inghiottirà tutti, non c'è possibilità di redenzione, è semplicemente una conseguenza, al loro gesto, e loro la devono affrontare, come in tutte le cose della vita, ciò che fai comporta delle conseguenze, più o meno gravi, ma in questo caso la morte busserà alla loro porta, Julie che è una donna intelligente, sa come deve affrontare i colpevoli, conosce le loro debolezze, e gioca con loro, li fa sballare, come nella scena in cui fa ubriacare il secondo colpevole, dopo aver messo il veleno nel vino, al primo con la scusa della sua stola che si è impigliata lo invita a raccoglierla e lo spinge dal settimo piano, un altro ancora lo rinchiude in uno stanzino al buio e via di seguito, è interessante constatare che a causa di un omicidio che è stata la scintilla vagante, si scateni una tale rappresaglia nella psicologia di una donna da rasentare l'ossessione, si perchè qui stiamo parlando dell'ossessione della vendetta, di avere una rivalsa per la morte di una persona amata, in un certo senso Julie, non vuole che la passino liscia le persone che hanno commesso quel delitto, e allora decide di farsi giustizia da sola, a modo suo, e Truffaut, è così bravo a descrivere il mondo dorato della loro vita, gli amici, le fidanzate, le mogli, è tutto "perfetto", mentre il mondo di Julie è andato a farsi friggere, i suoi sogni e la sua felicità sono andati distrutti, perchè allora devono continuare tranquilli e sereni a godersi la vita?
Truffaut vuole che lo spettatore comprenda le motivazioni di Julie, che li accetti, e che non giudichi superficialmente col dire non è giusto perchè la legge può fare giustizia, è una motivazione comprensibile, lui scava nel profondo e nella sua psicologia, non vuole che tu giudichi, vuole che tu ti metti nei panni di Julie.
CAPOLAVORO.




Commenti

  1. Bellissimo film!
    La protagonista è straordinaria e ogni "capitolo" della storia viene esposto perfettamente. La grande vendetta di Julie.
    Grande Truffaut.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.