Passa ai contenuti principali

La Sposa in nero

Ci sono molti modi per apprezzare un opera di Truffaut, tra quello in cui ti perdi in un suo film, al modo superficiale, al modo che uso io, ovvero con attenzione di particolari.
Non è la prima volta che vedo la sposa in nero, l'ho rispolverato per poter fare una recensione fresca e immediata, dato che sto finendo di recensire il suo cinema con una monografia non ufficiale, quindi libera, bene parliamo del film, per altre cose si usano altri salotti più consoni.
Con la sposa in nero Truffaut rende omaggio a uno dei suoi registi preferiti, Alfred Hitchcock, da sottolineare uno dei registi cardine che hanno fatto da guida agli autori della nouvelle vague francese, gioca ai rimandi del suo cinema e lo si nota, scena dopo scena, la protagonista è una donna, che il giorno del matrimonio rimane vedova, perchè proprio quando esce dalla chiesa, uccidono l'uomo che amava e che ha sposato, non esiste nessun altro che possa prendere il suo posto, nella sua mente  e nel suo cuore, una volta individuati i colpevoli, un gruppo di uomini che cazzeggiava giocando a carte e tanto per passare il tempo e buttare via la noia hanno deciso di sparare col fucile, e la vittima è il malcapitato sposo, ucciso per un colpo di fucile sparato per errore, quindi una volta individuati, si mette alla loro ricerca e li fa fuori, a uno a uno, usando qualsiasi mezzo consono o non consono, qualsiasi cosa per vendicare la morte dell'uomo che amava.
Truffaut per una volta disegna un ritratto di donna forte e consapevole di se, interpretata da una straordinaria Jeanne Moreau, che ritorna a lavorare con Truffaut dopo il bellissimo Jules e Jim il suo è un personaggio di donna tenace, che sa già cosa deve fare e soprattutto COME lo deve fare, il tutto questo è sottolineato da un soggetto tratto dal romanzo di Cornell Woolrich accreditato come William Irish, la sposa in nero è un noir, a tinte forti, ma anche molto sottile, quell'omicidio accidentale, forse commesso con troppa leggerezza, incatenerà coloro che lo hanno commesso, in una spirale che li inghiottirà tutti, non c'è possibilità di redenzione, è semplicemente una conseguenza, al loro gesto, e loro la devono affrontare, come in tutte le cose della vita, ciò che fai comporta delle conseguenze, più o meno gravi, ma in questo caso la morte busserà alla loro porta, Julie che è una donna intelligente, sa come deve affrontare i colpevoli, conosce le loro debolezze, e gioca con loro, li fa sballare, come nella scena in cui fa ubriacare il secondo colpevole, dopo aver messo il veleno nel vino, al primo con la scusa della sua stola che si è impigliata lo invita a raccoglierla e lo spinge dal settimo piano, un altro ancora lo rinchiude in uno stanzino al buio e via di seguito, è interessante constatare che a causa di un omicidio che è stata la scintilla vagante, si scateni una tale rappresaglia nella psicologia di una donna da rasentare l'ossessione, si perchè qui stiamo parlando dell'ossessione della vendetta, di avere una rivalsa per la morte di una persona amata, in un certo senso Julie, non vuole che la passino liscia le persone che hanno commesso quel delitto, e allora decide di farsi giustizia da sola, a modo suo, e Truffaut, è così bravo a descrivere il mondo dorato della loro vita, gli amici, le fidanzate, le mogli, è tutto "perfetto", mentre il mondo di Julie è andato a farsi friggere, i suoi sogni e la sua felicità sono andati distrutti, perchè allora devono continuare tranquilli e sereni a godersi la vita?
Truffaut vuole che lo spettatore comprenda le motivazioni di Julie, che li accetti, e che non giudichi superficialmente col dire non è giusto perchè la legge può fare giustizia, è una motivazione comprensibile, lui scava nel profondo e nella sua psicologia, non vuole che tu giudichi, vuole che tu ti metti nei panni di Julie.
CAPOLAVORO.




Commenti

  1. Bellissimo film!
    La protagonista è straordinaria e ogni "capitolo" della storia viene esposto perfettamente. La grande vendetta di Julie.
    Grande Truffaut.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.