Passa ai contenuti principali

Mission Impossible Protocollo fantasma

Brad Bird dirige il suo primo film live action, dopo il bellissimo film d'animazione con cui si è fatto conoscere Gli incredibili, per la sua avventura nel live action, sceglie un film d'azione, il quarto episodio di Mission Impossible, ovvero protocollo fantasma, diciamoci la verità, non è un capolavoro, ma nonostante tutto si lascia vedere bene, ti intrattiene, c'è tutto ciò che si possa aspettare dal classico film d'azione, nè più e nè meno, l'unica nota critica, però questa volta personale, certe volte a Cruise gli manca il coraggio di osare nella scelta dei film, certo non fa molti film, ma quelli che fa sono dei veri blockbuster, non al livello dei filmacci fracassoni di Michael Bay, di cui mi diverto sempre a massacrare,  ma fa film giusti che lo caratterizzano, e non è male alla sua età fare questi film, anche se sinceramente vederlo in un piccolo film coraggioso susciterebbe molta curiosità, ma andiamo al film, Ethan Hunt e i suoi agenti della Mission Impossible Force dopo un attentato sono stati destituiti, c'è il rischio di una guerra nucleare, e gli agenti devono lavorare in incognito pur di salvare il mondo dalla catastrofe e dovranno provare la loro innocenza, ci riusciranno?
La trama è tutta qui, il film è piacevole, ti intrattiene e ti tiene col fiato sospeso per le numerose scene d'azione e di inseguimenti, che Bird ha girato per lo più benissimo, certo i limiti ci sono, una certa ripetizione, di ritmi, scene che per lo meno non tolgono nulla ma che ormai sono diventati quasi un marchio di fabbrica per la serie, che ripete ormai i canoni dell'azione fine a se stessa.
Ma va bene, cosa volete da un film d'azione impegno? Riflessione? La serie è così, c'è l'adrenalina, c'è l'azione, c'è il sospetto c'è tutto, non manca proprio nulla, Bird lo sa e sa dosare gli ingredienti, ma il film di perse non ha nulla di personale, non è un opera che sperimenta un altro genere cinematografico, è un film su commissione e si vede, ma nonostante ciò riesce a divertire lo stesso.
COOL.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.