Passa ai contenuti principali

The Queen

La principessa Diana d'inghilterra, muore in un incidente stradale, e i giorni che seguomo la morte della principessa del popolo sono narrati da Stephen Frears, in maniera acuta, anche polemica, nei confronti di quelli che la circondavano, ovvero, la famiglia reale, in particolar modo il film è incentrato sulla figura autoritaria e rigida della regina Elisabetta, che ha sempre sofferto la popolarità di Diana che è sempre stata maggiore rispetto alla sua.
Helen Mirren, veste i panni di Elisabetta, una donna ligia al dovere che la sua figura di regnante impone, è incapace di parlare al popolo, di dargli calore, e lo si nota nella settimana che precedono i funerali di Lady D, in cui i membri della famiglia reale si chiudono ispiegabilmente in un mutismo incomprensibile, sbarrando i dialoghi maggiormente con il popolo e con la stampa e con gli organi istituzionali, con tutti, la vita per loro scorre come se non fosse accaduto niente, ma il popolo piange la sua principessa, più di quanto piangerebbe la sua regina, e lo stato di inadeguatezza che Elisabetta mostra è impressionante.
Helen Mirren, che non a caso, ha vinto l'oscar per questa sua interpretazione, è un orologino, interpreta Elisabetta trasformandosi in lei completamente, è sorprendente quanto questa attrice riesca ad esprimere con pochi gesti la psicologia di una donna incapace di comunicare col popolo, ma più di comunicare è incapace di farsi amare dal suo popolo, immersa nel gelo del suo ruolo di regina, fa delle scelte impopolari, per il semplice fatto che non è riuscita ad entrare nel cuore del popolo come ha fatto Diana, e Frears, da autentico autore quale è capisce che deve raccontare i caratteri di due donne, così differenti, la prima Diana, solare ed espansiva, l'altra Elisabetta, fredda e incomunicativa, immersa nel suo ruolo di regina, ed è sorprendente come la sua regia riesca a raccontarle, è un mondo dove vigono le etichette, i ruoli, e i riti, e non concede nulla alla solarità, all'amore come un autentico leader dovrebbe fare, sono le regole di corte, che Elisabetta manda avanti nonostante siano passati anni e il terzo millennio è  vicino - il film è ambientato nel 1997 anno della morte della principessa - Frears dirige un opera matura che con coraggio narra una monarchia imbacuccata in regole vecchie, e incapace di mostrare un briciolo di semplice umanità al popolo, infatti mentre c'è amarezza e tristezza per la morte della principessa, la corte reale, va a fare una settimana in campagna rifiutandosi di parlare con la stampa di tutto il mondo.
E qui rischio di ripetermi, ma ne vale la pena, il film è sorprendente, un autentico gioiellino da vedere, menzione speciale  la merita senza dubbio Helen Mirren, che da al suo personaggio rigore e severità.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



Commenti

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.