Passa ai contenuti principali

The Queen

La principessa Diana d'inghilterra, muore in un incidente stradale, e i giorni che seguomo la morte della principessa del popolo sono narrati da Stephen Frears, in maniera acuta, anche polemica, nei confronti di quelli che la circondavano, ovvero, la famiglia reale, in particolar modo il film è incentrato sulla figura autoritaria e rigida della regina Elisabetta, che ha sempre sofferto la popolarità di Diana che è sempre stata maggiore rispetto alla sua.
Helen Mirren, veste i panni di Elisabetta, una donna ligia al dovere che la sua figura di regnante impone, è incapace di parlare al popolo, di dargli calore, e lo si nota nella settimana che precedono i funerali di Lady D, in cui i membri della famiglia reale si chiudono ispiegabilmente in un mutismo incomprensibile, sbarrando i dialoghi maggiormente con il popolo e con la stampa e con gli organi istituzionali, con tutti, la vita per loro scorre come se non fosse accaduto niente, ma il popolo piange la sua principessa, più di quanto piangerebbe la sua regina, e lo stato di inadeguatezza che Elisabetta mostra è impressionante.
Helen Mirren, che non a caso, ha vinto l'oscar per questa sua interpretazione, è un orologino, interpreta Elisabetta trasformandosi in lei completamente, è sorprendente quanto questa attrice riesca ad esprimere con pochi gesti la psicologia di una donna incapace di comunicare col popolo, ma più di comunicare è incapace di farsi amare dal suo popolo, immersa nel gelo del suo ruolo di regina, fa delle scelte impopolari, per il semplice fatto che non è riuscita ad entrare nel cuore del popolo come ha fatto Diana, e Frears, da autentico autore quale è capisce che deve raccontare i caratteri di due donne, così differenti, la prima Diana, solare ed espansiva, l'altra Elisabetta, fredda e incomunicativa, immersa nel suo ruolo di regina, ed è sorprendente come la sua regia riesca a raccontarle, è un mondo dove vigono le etichette, i ruoli, e i riti, e non concede nulla alla solarità, all'amore come un autentico leader dovrebbe fare, sono le regole di corte, che Elisabetta manda avanti nonostante siano passati anni e il terzo millennio è  vicino - il film è ambientato nel 1997 anno della morte della principessa - Frears dirige un opera matura che con coraggio narra una monarchia imbacuccata in regole vecchie, e incapace di mostrare un briciolo di semplice umanità al popolo, infatti mentre c'è amarezza e tristezza per la morte della principessa, la corte reale, va a fare una settimana in campagna rifiutandosi di parlare con la stampa di tutto il mondo.
E qui rischio di ripetermi, ma ne vale la pena, il film è sorprendente, un autentico gioiellino da vedere, menzione speciale  la merita senza dubbio Helen Mirren, che da al suo personaggio rigore e severità.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.