Passa ai contenuti principali

King of New York

Abel Ferrara, sceglie Christopher Walken, per King of New York, non ho visto molto di Ferrara, ma quel poco che ho visto me lo ha fatto apprezzare parecchio, questo è il terzo film che vedo e devo dire che mi ha lasciata molto sorpresa, il protagonista è Frank Whale (Walken), un gangster appena uscito di prigione per spaccio di droga, che vuole tornare nel giro, e per farlo deve togliere di mezzo i suoi concorrenti, motivo? La costruzione di un ospedale che il municipio non può fare perchè è a corto di fondi, allora ci pensa proprio Frank a farlo, e non mancheranno scontri con la sua banda di amici e le persone che vuole fare fuori, accanto a lui c'è l'ex avvocato Jenny che è innamorata di lui.
Un Gangster movie lontano dall'epicità de Il Padrino e della violenza metropolitana di Scorsese e Quei bravi ragazzi, qui Ferrara decide di personalizzare la sua opera, e fare la sua visione personale su come si sbrigano gli "affari" per costruire le cose in città, diciamo che c'è in ballo l'inciucio tra politica e malaffare, perchè mancano i soldi, e allora chi può aiutare se non un gangster?
Ferrara è al suo meglio, un film sorprendente dalla prima all'ultima scena, e che non stanca mai, riesce benissimo nell'intento di catturare lo spettatore cercando di fare capire i personaggi della storia e le loro azioni se pur discutibili, sono al centro del come gira il mondo in certi luoghi, Le azioni di Frank sono pienamente discutibili, anche se le fa per una buona causa, anche se si deve scontrare con chi ha dei debiti con lui o con chi lui ha dei debiti, poco importa, basta lasciare il terreno libero per i suoi affari, che sono la cosa più importante nel mondo in cui vive, perchè mettere i bastoni tra le ruote non serve, servono altre cose, meglio che gli altri non stiano nella sua strada, perchè il suo obiettivo è quello.
Ferrara mette un cast di attori eccezionale, multirazziale, che magistralmente riesce a interpretare ognuno di loro il proprio ruolo, bellissima la fotografia marcata di Bojan Bazelli che ne ricalca le sfumature e gli ambienti come gli umori dei protagonisti, ma è nella sceneggiatura di Nicholas St John, abituale collaboratore di Ferrara e nella regia stessa di Ferrara, che è serratissima e mozzafiato  il segreto di un piccolo grande capolavoro da collezionare.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.