Passa ai contenuti principali

Il Grande sonno

E diciamoci la verità, quando un film è bello è una gioia per gli occhi e per il morale guardarlo, perchè ti intriga, e riesce a colpirti dall'inizio alla fine, è proprio quello che succede con il grande sonno.
Diretto da Howard Hawks, un regista che è tutta una garanzia, di cui ho visto Gli uomini preferiscono le bionde, ma mi sa che prima o poi troverete altre pellicole recensite di lui, è un noir particolare, dove ci sono parecchi colpi di scena che non ti aspetti, in cui all'inizio c'è un padre che si vede costretto ad ingaggiare un detective, per scoprire chi ricatta la figlia per i suoi debiti di gioco, scoprirà che nella storia sono coinvolte molte persone e che tutti hanno diversi scheletri nell'armadio, compresa la sorella di lei, con amicizie poco raccomandabili che nasconde qualcosa, e cosa naconderà di tanto grave?
Il film è un crescendo di suspance, che grazie all'abilità di Hawks di crearla all'inizio mescola sempre le carte fino ad arrivare al famosissimo finale dove anche il detective, si confronta coi personaggi loschi che trafficano con la sorella, che dimostra di avere un lato oscuro dentro di se.
E' un film memorabile, un opera leggendaria che è ormai un classico da collezionare e soprattutto da vedere e rivedere, sia per conoscere un maestro del cinema sia per scoprire chi ci sta dietro a questi intrighi, Hawks mi interessa molto, soprattutto dopo aver visto questo film, bravissimi il cast di attori tra cui spicca Bogart, poi mi ha intrigata anche l'abilità del suo autore di saper intrigare lo spettatore.
Da sottolineare, il film non è tratto da un romanzo di Raymond Chandler, Hawks furbescamente lo ha tratto da due romanzi, per questo a una prima lettura la trama sembra essere incomprensibile, ma è un film da avere assolutamente, anche perchè non tutti si presentano come sono in realtà, quindi è uno spettacolo cercare di scoprire cosa i personaggi nascondono in realtà.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Un filmone, classico di genere e non solo.
    Stupendo.

    RispondiElimina
  2. essendo sicuramente più vecchietto di te ti posso dire che Hawks è uno dei grandissimi di Hollywood e quindi devi recuperare assolutamente la sua fotografia. Si è cimentato anche nell'horror sotto mentite spoglie: La cosa da un altro mondo del 1951(spero di non sbagliare sto andando a memoria) è firmata dal suo montatore di fiducia Christian Nyby ma la leggenda narra che in realtà il film fosse praticamente suo perchè era sempre presente sul set e supervisionava tutto.

    RispondiElimina
  3. ah ah invece di scrivere filmografia ho scritto fotografia. Perdona,sono più rinco del solito. Un'altra cosa :hai ragione IL grande sonno è assolutamente da non perdere..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovvio, si lo farò anche perchè so che i grandi della nouvelle vague si sono formati anche visionando i suoi film, quindi la curiosità è maggiore :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.