Passa ai contenuti principali

La Talpa

Dopo il bellissimo Lasciami Entrare Tomas Alfredson ritorna al cinema cambiando completamente genere, e traducendo il romanzo di John Le Carrè con protagonista Gary Oldman, che, pur sempre bravissimo come attore, qui offre un interpretazione stanca, vestendo i panni di un personaggio che non gli appartiene e lo si nota dall'inizio alla fine, d'altro canto il film procede a rilento nelle sue abbondanti due ore, rasentando la noia, eh questa volta Tomas Alfredson non ripete lo straordinario vertice raggiungo con Lasciami entrare e dirige un opera appesantendola del tutto, gli attori recitano come macchinette, è tutto prestabilito, non c'è improvvisazione, non c'è personalizzazione, nulla, è un film prestabilito, come se il copione che ha in mano gli sfuggisse di mano e non sa come maneggiarlo, peccato perchè con un cast di fuoriclasse con Oldman tra i protagonisti mi sarei aspettato una corposa regia, e invece qui Alfredson dimostra di essere davanti a questo soggetto un dilettante e non un professionista, si comporta come se il regista fosse il capo assoluto non lasciando respirare gli attori, un po' di malleabilità avrebbe giovato alla pellicola, e anche un po'  d'azione in più, il film è statico, appesantito da dialoghi interminabili, gli attori d'altro canto non potendo esprimersi recitano come dice loro di fare Alfredson, il problema del film è tutto qui, e sinceramente ho letto recensioni che lo stroncavano del tutto, ma avendo conosciuto Alfredson con Lasciami entrare mi aspettavo di più, e devo dire che le recensioni che ho letto hanno ragione, un film deludente, che non mantiene quello che promette, non basta inserire attori bravissimi in un cast per poi non saper maneggiare bene la materia cinematografica, è un passo falso, che nonostante i titoloni che si vedono in locandina non mantiene quello che la locandina dice, non si getta la pietra per poi ritirarsi del tutto, sii preciso, meno puntiglioso, dai il tuo punto di vista alla storia, e il film ne avrebbe guadagnato. Peccato.
Con una trama che vede la sparizione di una ragazza da parte dei russi e si deve scoprire che fine ha fatto, poi  poteva nascere un film più accattivante, e l'origine letteraria peggiora la situazione ulteriormente.
DA EVITARE.



Commenti

  1. Ben diretto, ben recitato, una fotografia dell'Amadonna,un finale da applauso, una colonna sonora splendida... ma che due palle, signò! XD

    RispondiElimina
  2. secondo me lo si apprezza solo sotto l'effetto di qualche droga sintetica!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.