Passa ai contenuti principali

La volpe e la bambina

Dopo il bellissimo documentario La marcia dei pinguini Luc Jaquet dirige un film, un film fantastico che è una fiaba, raccontata da una mamma alla sua bambina, ma dietro questa fiaba c'è la storia dell'amicizia tra una bambina e una volpe, un amicizia quasi impossibile, è una storia molto tenera, che riesce ad incantare perchè sottolinea la bellezza della natura, e di un amicizia che sarà un ricordo indelebile nella bambina che tramanderà la storia ormai diventata grande, alla sua di bambina.
Un film che dovrebbe essere una riflessione sul mondo circostante, e sulla bellezza della natura, forse è un po' smielato per i richiami disneyani, ma che importa, il film è una favola e va preso per quello che è, come un opera che ci fa dimenticare per un istante di essere ormai grandi facendoci tornare bambini, un opera che ci dice di ascoltare ciò che ci circonda.
Un opera curiosa e dolce allo stesso tempo, la conoscenza della natura da parte di quella bambina, le farà conoscere l'amore, che all'inizio scambierà per possesso, ma alla fin fine si accorgerà che ogni essere vivente a questo mondo non appartiene a nessuno, e che anche l'amicizia è un dono che deve essere guadagnato, però vi dico subito non è un film per famiglie, è un film da far vedere ai bambini, magari dopo avergli letto una fiaba tanto per fargli capire il valore di cose che ormai nel tempo si sono perdute, ma che hanno più valore di qualsiasi videogioco, cellulare o computer, fateglielo spegnere, e mettete questo film, dopo magari potete anche uscire fuori e mostrargli che certi valori perdurano nel tempo, più di qualsiasi computer.
Bene Jaquet, dirige un opera di fiction, che riesce ad incantare e conquistare sia grandi che piccini, forse la voce un po' invadente di Ambra sarebbe stata meglio se non ci fosse stata, comunquesia è bello constatare che esiste qualcuno che ancora vuole farci riflettere sulla bellezza della natura.
NON MALE.


Commenti

  1. Ma sai che non ne avevo mai sentito parlare? Sembra davvero carino! ;D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.